• Giglio Reduzzi

A che gioco giochiamo?

Aggiornamento: 21 giu

Sulla guerra in atto tra Russia e Ucraina due riflessioni si impongono:


La prima è che sembra un improbabile gioco a chi perde di più: anche

se alla fine Putin dovesse vincere la guerra, perderà tutto il resto, a partire dalla residua simpatia dei Paesi confinanti, compresi quelli che parlano russo ma non amano i russi e/o il loro strano modo di liberarli dalla repressione ucraina.

Ma perderà anche l’Occidente perché è ormai assodato che le sanzioni adottate in risposta all’aggressione fanno più male a noi che a loro.


La seconda riflessione è che, dopo aver sentito cosa pensano Medvedev e Lavrov dell’Occidente, non resta che augurare lunga vita a Putin.

Altro che contare sul suo cattivo stato di salute!

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è