• Giglio Reduzzi

A proposito di Quirinale

Non è vero che il Paese si guida solo da Palazzo Chigi.

Storia e cronaca hanno dimostrato che si pilota bene anche dal Colle. Forse addirittura meglio e nel pieno rispetto della Costituzione vigente.

Quando Angela Merkel si lamentava di Berlusconi, telefonava a Giorgio Napolitano, mica a Palazzo Chigi.

Paolo Savona fu escluso dal governo per iniziativa di Sergio Mattarella, non di Giuseppe Conte.

Le tre volte NO al Centro-Destra (2018, 2019, 2020) sono state dette in solitudine dal Capo dello Stato.

Ed allora, se le cose stanno così, non si capisce perché tutti i partiti dicano di stimare Mario Draghi, ma solo alcuni lo vogliano al Quirinale.

Dimenticando che, una volta sul Colle, ci starebbe per sette anni, mentre, se rimane a Palazzo Chigi, ci starebbe, al massimo, per uno.

Infatti Mario Draghi non ha un suo partito alle spalle e nessuno dei leader dati per vincenti è disposto, alle prossime elezioni, a tirarsi indietro per far posto a lui.

Suvvia, siamo coerenti.

102 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o