• Giglio Reduzzi

A proposito di Quirinale

Non è vero che il Paese si guida solo da Palazzo Chigi.

Storia e cronaca hanno dimostrato che si pilota bene anche dal Colle. Forse addirittura meglio e nel pieno rispetto della Costituzione vigente.

Quando Angela Merkel si lamentava di Berlusconi, telefonava a Giorgio Napolitano, mica a Palazzo Chigi.

Paolo Savona fu escluso dal governo per iniziativa di Sergio Mattarella, non di Giuseppe Conte.

Le tre volte NO al Centro-Destra (2018, 2019, 2020) sono state dette in solitudine dal Capo dello Stato.

Ed allora, se le cose stanno così, non si capisce perché tutti i partiti dicano di stimare Mario Draghi, ma solo alcuni lo vogliano al Quirinale.

Dimenticando che, una volta sul Colle, ci starebbe per sette anni, mentre, se rimane a Palazzo Chigi, ci starebbe, al massimo, per uno.

Infatti Mario Draghi non ha un suo partito alle spalle e nessuno dei leader dati per vincenti è disposto, alle prossime elezioni, a tirarsi indietro per far posto a lui.

Suvvia, siamo coerenti.

102 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo