• Giglio Reduzzi

A proposito di Quirinale

Non è vero che il Paese si guida solo da Palazzo Chigi.

Storia e cronaca hanno dimostrato che si pilota bene anche dal Colle. Forse addirittura meglio e nel pieno rispetto della Costituzione vigente.

Quando Angela Merkel si lamentava di Berlusconi, telefonava a Giorgio Napolitano, mica a Palazzo Chigi.

Paolo Savona fu escluso dal governo per iniziativa di Sergio Mattarella, non di Giuseppe Conte.

Le tre volte NO al Centro-Destra (2018, 2019, 2020) sono state dette in solitudine dal Capo dello Stato.

Ed allora, se le cose stanno così, non si capisce perché tutti i partiti dicano di stimare Mario Draghi, ma solo alcuni lo vogliano al Quirinale.

Dimenticando che, una volta sul Colle, ci starebbe per sette anni, mentre, se rimane a Palazzo Chigi, ci starebbe, al massimo, per uno.

Infatti Mario Draghi non ha un suo partito alle spalle e nessuno dei leader dati per vincenti è disposto, alle prossime elezioni, a tirarsi indietro per far posto a lui.

Suvvia, siamo coerenti.

102 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è