• Giglio Reduzzi

A quando l' Italexit?

Aggiornamento: 11 feb 2019

Non capisco cos’altro debba succedere prima che anche l’Italia decida di uscire dall’UE, come ha già fatto la GB.

Tanto più che, a questo punto, c’è ben poco da lasciare.

La Gran Bretagna se n’è già andata e le altre due potenze rimaste (Germania e Francia) ci hanno fatto capire che stanno bene da sole.

Noi rischiamo di fare la figura del reggitore di moccolo.

Se avessimo un briciolo di amor patrio ce ne andremmo di corsa.

Il problema è che, oltre all’orgoglio, ci manca anche la forza di prendere decisioni.

Vorremmo che le situazioni nuove si determinassero da sole.

L’ideale sarebbe che l’UE si sfasciasse per conto suo.

Oppure che fossero gli altri a decidere per noi.

Che, in fondo, è la stessa ragione per cui, nell’Unione, siamo entrati.

Essendo incapaci di risolvere i nostri problemi da soli, speravamo che fossero gli altri a farlo per noi.

Così non è stato. Il sogno è sfumato.

La mancata solidarietà dei nostri partner europei sul fronte migrazioni ci ha tolto l’ultima illusione.

Veniamo via in fretta.

Del resto nessuna delle due componenti governative è mai stata filo-europea.

L’anti-europeismo è stato solo accantonato al fine di ottenere l’investitura da parte di una Presidenza quasi più europea che italiana.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel