• Giglio Reduzzi

A quando l' Italexit?

Aggiornato il: 11 feb 2019

Non capisco cos’altro debba succedere prima che anche l’Italia decida di uscire dall’UE, come ha già fatto la GB.

Tanto più che, a questo punto, c’è ben poco da lasciare.

La Gran Bretagna se n’è già andata e le altre due potenze rimaste (Germania e Francia) ci hanno fatto capire che stanno bene da sole.

Noi rischiamo di fare la figura del reggitore di moccolo.

Se avessimo un briciolo di amor patrio ce ne andremmo di corsa.

Il problema è che, oltre all’orgoglio, ci manca anche la forza di prendere decisioni.

Vorremmo che le situazioni nuove si determinassero da sole.

L’ideale sarebbe che l’UE si sfasciasse per conto suo.

Oppure che fossero gli altri a decidere per noi.

Che, in fondo, è la stessa ragione per cui, nell’Unione, siamo entrati.

Essendo incapaci di risolvere i nostri problemi da soli, speravamo che fossero gli altri a farlo per noi.

Così non è stato. Il sogno è sfumato.

La mancata solidarietà dei nostri partner europei sul fronte migrazioni ci ha tolto l’ultima illusione.

Veniamo via in fretta.

Del resto nessuna delle due componenti governative è mai stata filo-europea.

L’anti-europeismo è stato solo accantonato al fine di ottenere l’investitura da parte di una Presidenza quasi più europea che italiana.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Salvini "Defensor Fidei" ?

Coloro che esprimono meraviglia per il fatto che Salvini sia rimasto l’unico (insieme all’ex boyscout Renzi) a difendere i valori del cristianesimo nell’aula del Senato dimostrano di avere la memori

L'uomo dei record

Esiste un uomo che è diventato Premier di un grande Paese senza aver mai fatto politica, neppure a livello comunale? Sì, è italiano e si chiama Giuseppe Conte. Esiste un uomo capace, in due anni conse

Nuove delusioni

La mia passione per la politica viene da lontano. Quando i miei compagni d’università andavano in Svezia per godere della maggior libertà sessuale ivi praticata, io, cretino, andavo a Londra per veder