• Giglio Reduzzi

Al voto come una volta

Un esempio lampante di quanto lo Stato rincorra la modernità -o dica di farlo-, ma rimanga sempre indietro si trova nel modo in cui ci fa votare.

Che è rimasto uguale a quello prescritto quando furono istituite le elezioni popolari e gli elettori erano in maggioranza analfabeti: fate una croce sul simbolo che più vi aggrada!

Esattamente come il notaio diceva di fare al contadino non scolarizzato quando comprava o vendeva un fondo agricolo!

Oggi il mondo moderno chiama il cittadino a riempire una grande varietà di moduli ed in tutti questi moduli compaiono, ben staccate, immagini o frasi dal significato alternativo.

Queste, a loro volta, sono contrassegnate da piccoli quadratini destinati ad ospitare il segno di spunta (in pratica una v con il secondo segno allungato) con cui il cittadino esprime la propria preferenza.

Ecco: questo è il modo corretto di esprimere una preferenza e, quindi, anche di votare.

In molte parti d’Italia, ma forse in tutto il mondo occidentale, fare la croce su un simbolo (in bergamasco: faga sö la cruz) vuol dire non parlarne più.

Cioè cancellarlo, che è l’esatto opposto dello sceglierlo.

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Mi pare giusto che il governo si dia da fare per trovare alternative alla fornitura del gas russo. Ma ritengo che dovrebbe farlo senza sbandieramenti, anzi di nascosto, visto che si tratta di porre r

Certo, la guerra lascerebbe attoniti con qualunque modalità venisse svolta, ma quello che nel conflitto russo/ucraino fa più impressione è vedere che i combattimenti (per ora) avvengono con gli stessi

Meraviglia che, di fronte ad un governo di coalizione, un sacco di leaders politici dicano che, pur di fare il bene del Paese, sono disposti ad accantonare una parte del loro programma, implicitamente