• Giglio Reduzzi

Allungata la vita a Draghi

Come l’epidemia ha dato un anno di vita in più al governo Conte, immagino che la vicenda ucraina darà qualche mese in più al governo Draghi.

Con la differenza che mentre il primo ci godeva, quest’ultimo probabilmente ci soffre e non vede l’ora che passi la nottata.

Le dimissioni di Mario Draghi prima del termine non farebbero meraviglia a nessuno.

Non solo (e non tanto) per le ragioni che si stanno raccontando (frustrazione per il mancato upgrading al Colle, doppio gioco di alcuni ministri), quanto per l’ambigua ed insolita composizione del suo governo.

Una compagine governativa che vede la compresenza allo stesso tavolo di ministri capaci scelti da Mario Draghi e di ministri incapaci ereditati dal passato o calati dall’alto.

Un mix di carne e pesce che alla lunga non può funzionare.

E’ evidente che Mario Draghi avrebbe dovuto ricevere carta bianca, cioè la libertà di scegliere i ministri a suo piacimento.

La verità è che il termine “tecnico” (chissà perché) faceva paura. Quasi che il discrimine non fosse tra “capace” ed “incapace”, ma tra “tecnico” e “politico”. Ed allora si è preferito qualificare il nuovo governo come “politico”, senza che lo fosse davvero.

Ed ora, di questo pasticcio, ne pagheremo tutti le conseguenze.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel