• Giglio Reduzzi

Anche i ricchi peccano


Il cambio di paradigma attuato dal pontefice regnante appare in tutta la sua evidenza ogniqualvolta egli invita a pregare per i poveri, anziché, come facevano i suoi predecessori, …per i peccatori.


Egli infatti, operando una selezione dei suoi fedeli esclusivamente su parametri economici, fa dei poveri una categoria a parte e stabile, quasi che uno possa entrarci ma non uscirne, mentre lo stato d’indigenza è per sua natura (e per fortuna) fluttuante.


Inoltre, la caratterizzazione per indici economici, anziché morali, sembra escludere che il peccato sia un male universale e, come tale, possa annidare sia tra i poveri che tra i ricchi, come di fatto avviene.

75 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'origine del perdono

De Silvana numquam satis, verrebbe voglia di dire. Qualche giorno fa, su La Verità, Silvana De Mari ha scritto un articolo che avrà fatto sobbalzare sulla sedia più di una persona, ma è la pura verità

Il PD fa di necessità virtù

Come è noto, il PD è convinto che il governo del Paese gli tocchi per mandato divino, specie ora che riceve il supporto della Chiesa. Il partito di Letta fa proprio il detto: non lo fò per piacer mio

Solidarietà internazionale

Anche del Libano la comunità internazionale sembra essersi dimenticata, benché dovrebbe essere in cima alla lista delle nazioni che necessitano di solidarietà. Dopo il disastro che ha colpito Beirut l