• Giglio Reduzzi

Ancora legge elettorale?

Quando nel Marzo del 2018 furono resi noti i risultati delle elezioni politiche e si capì che nessuna parte politica aveva vinto, se ne attribuì la colpa all’on. Ettore Rosato, principale estensore della legge elettorale.

Legge considerata troppo “proporzionale” per permettere l’emergenza di un solo partito.

Meglio sarebbe stato avere -si diceva- una legge a carattere “maggioritario”, come in Francia.

Poi nel corso della legislatura si è scoperto che il partito di Matteo Salvini cresceva a vista d’occhio a spese degli altri.

Per cui ora è forte il timore, da parte dei partiti minori, che alla prossima tornata elettorale Matteo Salvini possa ottenere una vittoria netta ed ottenere quel modesto supplemento di seggi che la legge attuale gli assegna.

Ragion per cui la legge elettorale elaborata dall’on. Rosato ora viene rimessa in discussione. Ma non -come ci si aspettava un anno fa- per renderla meno proporzionale, bensì per renderla ancor più proporzionale di prima!

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o