• Giglio Reduzzi

ArcelorMittal


L’arroganza che Giuseppe Conte e Luigi Di Maio usano nei confronti del sig. Mittal sarebbe giustificata, a mio avviso, solo se fuori dalla porta ci fosse una fila di imprenditori tutti pronti a prenderne il posto.

Ma siccome così non è, a me sembra che tutta quella prepotenza (tipo: li trasciniamo in tribunale) sia del tutto inappropriata.

Tanto più che, vista da fuori, l’Italia appare come un Paese dove vige il libero mercato e dove, pertanto, nessun imprenditore può essere obbligato a perdere soldi, anche se ha fatto male i conti quando ha comprato la fabbrica.

Solo in un Paese ad economia pianificata un’azienda può continuare a produrre in perdita.

E neppure in tutte. Per esempio credo che in Cina non potrebbe.

Da noi, quello di produrre in perdita è un lusso riservato ai carrozzoni statali od ex statali, che nessuno vuol comprare neanche se glieli regali. Vedi Alitalia.

E che, se vengono comprati, l’incauto acquirente cerca subito una scusa per disfarsene.

Come pare sia il caso dell’ex Ilva di Taranto.

Per cui il sig. Mittal, invece di essere preso a calci nel sedere, avrebbe bisogno di un governo amico che gli chiedesse in che modo potrebbe aiutarlo.

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o