• Giglio Reduzzi

ArcelorMittal


L’arroganza che Giuseppe Conte e Luigi Di Maio usano nei confronti del sig. Mittal sarebbe giustificata, a mio avviso, solo se fuori dalla porta ci fosse una fila di imprenditori tutti pronti a prenderne il posto.

Ma siccome così non è, a me sembra che tutta quella prepotenza (tipo: li trasciniamo in tribunale) sia del tutto inappropriata.

Tanto più che, vista da fuori, l’Italia appare come un Paese dove vige il libero mercato e dove, pertanto, nessun imprenditore può essere obbligato a perdere soldi, anche se ha fatto male i conti quando ha comprato la fabbrica.

Solo in un Paese ad economia pianificata un’azienda può continuare a produrre in perdita.

E neppure in tutte. Per esempio credo che in Cina non potrebbe.

Da noi, quello di produrre in perdita è un lusso riservato ai carrozzoni statali od ex statali, che nessuno vuol comprare neanche se glieli regali. Vedi Alitalia.

E che, se vengono comprati, l’incauto acquirente cerca subito una scusa per disfarsene.

Come pare sia il caso dell’ex Ilva di Taranto.

Per cui il sig. Mittal, invece di essere preso a calci nel sedere, avrebbe bisogno di un governo amico che gli chiedesse in che modo potrebbe aiutarlo.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se