• Giglio Reduzzi

Brexit

Aggiornamento: 3 gen 2019

Ho sempre avuto ammirazione per la politica inglese.

Consideravo un privilegio aver potuto assistere, già da studente, ad una seduta della loro Camera Bassa.

Più recentemente ero orgoglioso che, avendo chiesto via e-mail al loro personale di spiegarmi una procedura parlamentare che non capivo (quella del “Catching the Speaker’s eye”), mi avessero risposto in soli tre giorni (mentre so per esperienza che un’analoga domanda alla nostra Camera dei Deputati sarebbe stata semplicemente ignorata).

Sono pertanto deluso dal comportamento degli inglesi in materia di Brexit.

Hanno impiegato tre anni per raggiungere un accordo con l’Unione Europea sulle modalità di uscita ed ora rimettono tutto in discussione?

Ma che modo di fare è?

E poi chi l’ha detto che l’UE li riprenderebbe, se ci ripensassero?

L’Europa non è un tram senza porte sul quale puoi salire e dal quale puoi scendere quando vuoi.



12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o