• Giglio Reduzzi

C'è naufragio e naufragio

Aggiornamento: 19 mag 2019

Dovrebbe essere evidente anche a chi viene dalla Val Brembana (come direbbe Totò) che il diritto ad essere salvati si applica solo quando il naufragio è un incidente di percorso e non quando esso è programmato in tutti i dettagli, come è il caso dei barconi che partono dal Nord Africa.

Infatti in questi casi si usano mezzi inadeguati, sovraccarichi e con insufficiente scorta di carburante.

Pertanto, per gli occupanti di questi barconi, il salvataggio non nasce da un obbligo di legge bensì, in minima parte, dal buon cuore della gente ed, in massima parte, da chi della legge del mare fa un’interpretazione di comodo al fine di trarne un beneficio personale.

(E’ noto infatti che anche la remunerazione dei marinai varia a seconda che operino in acque territoriali piuttosto che in quelle internazionali, dove vengono effettuati i salvataggi).

Per di più pretendendo di trarre benefici anche sul piano etico.

Maximo cum gaudio della Chiesa.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o