• Giglio Reduzzi

C'è naufragio e naufragio

Aggiornamento: 19 mag 2019

Dovrebbe essere evidente anche a chi viene dalla Val Brembana (come direbbe Totò) che il diritto ad essere salvati si applica solo quando il naufragio è un incidente di percorso e non quando esso è programmato in tutti i dettagli, come è il caso dei barconi che partono dal Nord Africa.

Infatti in questi casi si usano mezzi inadeguati, sovraccarichi e con insufficiente scorta di carburante.

Pertanto, per gli occupanti di questi barconi, il salvataggio non nasce da un obbligo di legge bensì, in minima parte, dal buon cuore della gente ed, in massima parte, da chi della legge del mare fa un’interpretazione di comodo al fine di trarne un beneficio personale.

(E’ noto infatti che anche la remunerazione dei marinai varia a seconda che operino in acque territoriali piuttosto che in quelle internazionali, dove vengono effettuati i salvataggi).

Per di più pretendendo di trarre benefici anche sul piano etico.

Maximo cum gaudio della Chiesa.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel