• Giglio Reduzzi

C'è naufragio e naufragio

Aggiornamento: 19 mag 2019

Dovrebbe essere evidente anche a chi viene dalla Val Brembana (come direbbe Totò) che il diritto ad essere salvati si applica solo quando il naufragio è un incidente di percorso e non quando esso è programmato in tutti i dettagli, come è il caso dei barconi che partono dal Nord Africa.

Infatti in questi casi si usano mezzi inadeguati, sovraccarichi e con insufficiente scorta di carburante.

Pertanto, per gli occupanti di questi barconi, il salvataggio non nasce da un obbligo di legge bensì, in minima parte, dal buon cuore della gente ed, in massima parte, da chi della legge del mare fa un’interpretazione di comodo al fine di trarne un beneficio personale.

(E’ noto infatti che anche la remunerazione dei marinai varia a seconda che operino in acque territoriali piuttosto che in quelle internazionali, dove vengono effettuati i salvataggi).

Per di più pretendendo di trarre benefici anche sul piano etico.

Maximo cum gaudio della Chiesa.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo