• Giglio Reduzzi

Capolavoro della Giustizia

In camera erano in tre: un uomo, una donna e una bimba di 23 mesi.

La piccola frignava e dava fastidio. Uno dei due adulti le sferra un calcio e la uccide.

Si svolgono due distinti processi: uno a carico della donna e l’altro a carico dell’uomo.

Non ci crederete, ma entrambi gli imputati vengono assolti. Immagino per “insufficienza di prove”.

Da notare che la procedura è durata 13 anni e che il processo per la donna ha già superato i tre gradi di giudizio, mentre quello per l’uomo solo due. Dunque non è finita.

Ma se la Procura non presenta ricorso per Cassazione (terzo grado), la sola conclusione possibile, per quanto irragionevole, è che la bimba si sia suicidata.



16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o