• Giglio Reduzzi

Capolavoro della Giustizia

In camera erano in tre: un uomo, una donna e una bimba di 23 mesi.

La piccola frignava e dava fastidio. Uno dei due adulti le sferra un calcio e la uccide.

Si svolgono due distinti processi: uno a carico della donna e l’altro a carico dell’uomo.

Non ci crederete, ma entrambi gli imputati vengono assolti. Immagino per “insufficienza di prove”.

Da notare che la procedura è durata 13 anni e che il processo per la donna ha già superato i tre gradi di giudizio, mentre quello per l’uomo solo due. Dunque non è finita.

Ma se la Procura non presenta ricorso per Cassazione (terzo grado), la sola conclusione possibile, per quanto irragionevole, è che la bimba si sia suicidata.



0 visualizzazioni

Call

T: 

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now