• Giglio Reduzzi

Capolavoro della Giustizia

In camera erano in tre: un uomo, una donna e una bimba di 23 mesi.

La piccola frignava e dava fastidio. Uno dei due adulti le sferra un calcio e la uccide.

Si svolgono due distinti processi: uno a carico della donna e l’altro a carico dell’uomo.

Non ci crederete, ma entrambi gli imputati vengono assolti. Immagino per “insufficienza di prove”.

Da notare che la procedura è durata 13 anni e che il processo per la donna ha già superato i tre gradi di giudizio, mentre quello per l’uomo solo due. Dunque non è finita.

Ma se la Procura non presenta ricorso per Cassazione (terzo grado), la sola conclusione possibile, per quanto irragionevole, è che la bimba si sia suicidata.



16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo