• Giglio Reduzzi

Carola Rackete ci chiederà mai scusa?


Chissà quando Carola Rackete si deciderà a chiederci scusa per averci portato in casa dei delinquenti, sia pure inconsapevolmente e con l’incredibile incoraggiamento di un ex ministro italiano (Graziano Delrio).

E’ infatti di questi giorni la notizia (silenziata dai giornali pro-governativi) che, successivamente allo sbarco, tre dei migranti introdotti in Italia dalla Rackete sono stati identificati come torturatori che operavano nei “lager” libici e che proprio per questa loro attività pregressa sono stati condannati da un tribunale italiano a vent’anni di carcere.

Questa non è un’opinione ma un fatto.

Rientra invece nel campo delle supposizioni il sospetto che, tra le donne sbarcate in quell’occasione, possano essercene alcune che in questo preciso momento bivaccano lungo le vie imperiali in attesa di clienti.

Sospetto peraltro più che legittimo, vista l’abbondanza di donne di colore nell’esercito delle prostitute.

Scuse o non scuse, va da sé che Carola Rackete non può certo essere annoverata (come molti a sinistra vorrebbero) tra i benefattori dell’umanità, quasi fosse la versione femminile di don Oreste Benzi.

Lui non si limitava a togliere le prostitute dalla strada, ma si assicurava che non fossero costrette a tornarci.

Cosa hanno fatto Rackete e Delrio per assicurarsi che, una volta in Italia, queste donne non finissero in strada?

28 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o