• Giglio Reduzzi

Chi deve dettare la linea nel CDX?

Piaccia o non piaccia, nell’ambito del CDX, il solo partito che negli ultimi anni ha perso consenso popolare è quello di FI.

Lega e FdI sono entrambi spettacolarmente cresciuti.

Dunque, piaccia o non piaccia, non tocca più a Silvio Berlusconi dettare la linea del CDX, ma se mai spetta ai leader degli altri due partiti.

Specie ora che, da deputato europeo qual è, Berlusconi è portato naturaliter a difendere l’istituzione cui appartiene (ed altrettanto fa il suo vice Antonio Tajani).

Non possiamo rinfacciare al governo in carica il diminuito sostegno popolare ad una delle sue principali componenti se poi siamo noi del CDX i primi a non rispettare il diverso modo in cui il consenso popolare ora si manifesta.

Inoltre, ci vuol poco a capire che un conto è andare a Bruxelles per chiedere la solidarietà che ci spetta, lasciando intendere che comunque noi da lì non ce ne andremo mai (come probabilmente farebbero Berlusconi e Tajani) ed un conto è andarci minacciando, se non ascoltati, di andar via sbattendo la porta (come ha orgogliosamente fatto la GB e come farebbero Salvini, Meloni, Bagnai e Borghi).

Il CDX non è contro l’UE, ma vuole starci con la schiena dritta.

27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o