• Giglio Reduzzi

Chiese in vendita


Se ho capito bene, il Papa consiglia di vendere le chiese non più frequentate, onde ottenere i mezzi per aiutare i poveri, che sembrano costituire la sua vera unica preoccupazione.

Per fortuna che i suoi sottoposti nella gerarchia non lo ascolteranno.

Non sarebbe la prima volta (ricordate la richiesta rivolta ai parroci di farsi carico, ciascuno, di una famiglia di immigrati?).

Non solo perché i poveri non sono quattro gatti, ma almeno quattro miliardi. (E dunque il denaro raccolto farebbe un buco nell’ acqua.)

Ma anche perché è facile immaginare come le chiese verrebbero ridotte in mano ai loro naturali acquirenti.

Parlo dei rappresentanti di quella religione (l’Islam) che, praticando l’iconoclastia, di immagine sacre non ne vogliono vedere, né nude, né vestite.

Non basterebbero neppure i braghettoni usati per la Cappella Sistina.

Sarebbe come dare un calcio nel sedere a Michelangelo e a tutti i pittori che a lui si sono ispirati! Nonché a tutta la nostra bimillenaria cultura.



25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o