• Giglio Reduzzi

Chiese vuote

Meno di un secolo fa, al mio paese, si riteneva che la Chiesa esistente fosse troppo piccola per contenere tutti i fedeli ed allora si decise di costruirne una più grande.

Molti fedeli parteciparono di persona alla sua costruzione, lavorando anche di domenica.

A lavori ultimati, nonostante la maggior disponibilità di spazio, la chiesa era sempre gremita.

Per non assistere in piedi alle due messe domenicali, normale e cantata (che comprendevano sempre una lunga predica), bisognava presentarsi con largo anticipo.

Purtroppo l’affollamento durò poco. Un tempo decisamente breve se rapportato all’impegno profuso nella costruzione del nuovo luogo di culto.

Ora quasi tutti i banchi della chiesa potrebbero essere rimossi, salvo i primi tre, dove trovano spazio alcune donne, per lo più anziane, oltre alle suore delle scuole elementari.

Chissà cosa ne pensa il clero locale.










20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o