• Giglio Reduzzi

Chiese vuote

Meno di un secolo fa, al mio paese, si riteneva che la Chiesa esistente fosse troppo piccola per contenere tutti i fedeli ed allora si decise di costruirne una più grande.

Molti fedeli parteciparono di persona alla sua costruzione, lavorando anche di domenica.

A lavori ultimati, nonostante la maggior disponibilità di spazio, la chiesa era sempre gremita.

Per non assistere in piedi alle due messe domenicali, normale e cantata (che comprendevano sempre una lunga predica), bisognava presentarsi con largo anticipo.

Purtroppo l’affollamento durò poco. Un tempo decisamente breve se rapportato all’impegno profuso nella costruzione del nuovo luogo di culto.

Ora quasi tutti i banchi della chiesa potrebbero essere rimossi, salvo i primi tre, dove trovano spazio alcune donne, per lo più anziane, oltre alle suore delle scuole elementari.

Chissà cosa ne pensa il clero locale.










18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Mission accomplished

Complice il COVID ho letto un altro di quei libri che in condizioni normali non avrei mai letto (il titolo non mi entusiasmava), ma ora sono contento di averlo fatto. Si tratta de “La capanna di padre

Come scelgono i ministri

Sto leggendo il libro di Paolo Ferri (“Il cacciatore di comete”) che descrive il lungo viaggio della sonda spaziale “Rosetta” verso una cometa dal nome impronunciabile (Churyumov-Gerasimenko) e dalla

Note per il Capo dello Stato

Le due o tre cosette che la Storia rimprovererà al capo dello Stato in carica sono, a mio avviso,: non aver capito che nel 2018, con la nomina a deputato di 300 ragazzi in cerca di prima occupazione e

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now