• Giglio Reduzzi

Chiese vuote

Meno di un secolo fa, al mio paese, si riteneva che la Chiesa esistente fosse troppo piccola per contenere tutti i fedeli ed allora si decise di costruirne una più grande.

Molti fedeli parteciparono di persona alla sua costruzione, lavorando anche di domenica.

A lavori ultimati, nonostante la maggior disponibilità di spazio, la chiesa era sempre gremita.

Per non assistere in piedi alle due messe domenicali, normale e cantata (che comprendevano sempre una lunga predica), bisognava presentarsi con largo anticipo.

Purtroppo l’affollamento durò poco. Un tempo decisamente breve se rapportato all’impegno profuso nella costruzione del nuovo luogo di culto.

Ora quasi tutti i banchi della chiesa potrebbero essere rimossi, salvo i primi tre, dove trovano spazio alcune donne, per lo più anziane, oltre alle suore delle scuole elementari.

Chissà cosa ne pensa il clero locale.










20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo