• Giglio Reduzzi

Chrislam

Distratti dagli affari correnti, non ci siamo accorti che, quatto quatto, stava nascendo la nuova religione sincretica mondiale.

Trattasi del “Chrislam”, cioè della fusione delle (cosiddette) religioni abramitiche, cioè Cristianesimo, Ebraismo ed Islam.

Il credo di base non è stato ancora scritto, ma il simbolo non dovrebbe rappresentare un problema.

Esso fu disegnato molti anni fa dal premio Nobel Yasser Arafat e, se ricordo bene, era più o meno così:



Della nuova religione manca anche il “monumentum”, cioè la “prima pietra”, ma per poco.

Infatti è già pronto il progetto.

Esso è stata presentato in pompa magna (con plastico e planimetria) il 15 novembre 2019 a Papa Francesco dalla massima autorità sunnita, l’Imam Ahmed Al Tayeb dell’Università del Cairo.

La struttura dovrebbe essere realizzata entro il 2022 ad Abu Dhabi ed ospitare, in un unico giardino, denominato Abrahamic Family House, una sinagoga, una moschea e una chiesa.

Sarà il primo tempio della nuova religione sincretica mondiale.

L’iniziativa fa seguito all’incontro che i due leader religiosi hanno avuto ad Abu Dhabi lo scorso febbraio.

Il progetto è opera del grande architetto David Adjaye Obe.

Purtroppo non sappiamo nulla di più di questa nuova religione, perché la stampa in generale e quella vaticana in particolare sono state molto reticenti a questo riguardo.

Probabilmente hanno capito che per noi vecchi cattolici si trattava di un autentico shock.

Noi infatti abbiamo sempre pensato che la nostra religione fosse la migliore al mondo e che, come tale, non potesse porsi sullo stesso piano delle altre, tanto meno fondersi con esse.

Non sappiamo neppure se in questa iniziativa siano state coinvolte le autorità ebraiche, né quali, ma immaginiamo che lo siano state, dal momento che il progetto riguarda anche loro.

Aspettiamo con ansia di saperne di più.

557 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o