• Giglio Reduzzi

Come è buona con noi la Francia!

La Francia, bontà sua, si sarebbe detta disponibile a prendersi una ventina di quei disperati che sono appena sbarcati a Lampedusa.

Io sono restio a crederci, perché la Francia (come del resto gli altri Paesi UE) ha sempre posto come precondizione che si trattasse di “profughi”, cioè gente che scappa dalla guerra, e non di persone in cerca di una migliore sistemazione economica.

Ho quindi il sospetto che, in questa materia della “redistribuzione”, il governo rosso-giallo non ce la racconti giusta e che, di conseguenza, la Francia sia disposta ad accogliere, al massimo, uno o due immigrati. Visto che coloro che stanno sbarcando sono quasi tutti migranti economici.

Ammesso tuttavia che i nostri vicini, di fronte ad un governo desalvinizzato, abbiano davvero cambiato politica immigratoria, allora mi permetto di ricordare ai francesi che possono evitare di andare sino in Sicilia a prendere quei venti sans papier, perché a Ventimiglia i migranti fanno la fila per entrare in Francia.

Devono solo alzare la sbarra e contare fino a venti.

Faranno più in fretta e salvaguarderanno le…. priorità acquisite!

9 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o