top of page
  • Immagine del redattoreGiglio Reduzzi

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi.

E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età.

Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incoraggiati a farlo.

Meglio diffidare.

Se sono maschi adulti, è facile che vengano qui per cercare migliori condizioni di vita per loro stessi e le loro famiglie.

Possono farlo, ma non ne hanno diritto (sono i c.d. migranti economici).

Maschi adulti e/o anziani con famiglia al seguito.

Questi sono gli unici meritevoli di essere presi in seria considerazione, perché il buon padre di famiglia non lascia a casa i suoi cari se questi si trovano in condizioni disperate.

Se li porta con sé. Anzi, quando può, prima mette al sicuro la famiglia e poi pensa a sé stesso.

Donne incinte?

Non fatevi impressionare: nella cultura musulmana non occupano il primo posto, come da noi.

Ne mettono una o due su ogni gommone per muovere a compassione gli equipaggi delle navi ONG (e chi crede ai racconti di quest’ultimi.)

101 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Magistrati e Migranti

Perché il giudice di Catania sbaglia. Non è in suo potere verificare la compatibilità delle leggi ordinarie italiane con il diritto comunitario. Al massimo, se vuole, può raffrontarle con la Costituzi

Matteo Messina Denaro

Martedì sera (25 settembre) RAI3 ha dedicato tutta la prima serata per celebrarne la cattura. Non capisco perché l’abbia fatto. L’arresto del capo mafia costituisce un fatto eccezionale di per sé, ma

La Prudenza della Premier

Qualche volta capita anche a me di chiedermi come mai la signora Meloni, ora che è al governo, non faccia le stesse cose che diceva avrebbe fatto quando era in campagna elettorale, specie in materia d

bottom of page