• Giglio Reduzzi

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi.

E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età.

Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incoraggiati a farlo.

Meglio diffidare.

Se sono maschi adulti, è facile che vengano qui per cercare migliori condizioni di vita per loro stessi e le loro famiglie.

Possono farlo, ma non ne hanno diritto (sono i c.d. migranti economici).

Maschi adulti e/o anziani con famiglia al seguito.

Questi sono gli unici meritevoli di essere presi in seria considerazione, perché il buon padre di famiglia non lascia a casa i suoi cari se questi si trovano in condizioni disperate.

Se li porta con sé. Anzi, quando può, prima mette al sicuro la famiglia e poi pensa a sé stesso.

Donne incinte?

Non fatevi impressionare: nella cultura musulmana non occupano il primo posto, come da noi.

Ne mettono una o due su ogni gommone per muovere a compassione gli equipaggi delle navi ONG (e chi crede ai racconti di quest’ultimi.)

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo

E’ da quando, appena eletto Papa, ci ha salutato con quel “Buona Sera”, invece che con “Sia lodato Gesù Cristo” che ci è apparso chiaro sin dall’inizio come, più che ad un capo religioso, fossimo dava