• Giglio Reduzzi

Metus reverentialis

Aggiornato il: 14 mag 2019

Metus reverentialis o timore reverenziale.

Noi cattolici siamo particolarmente colpiti da questo atteggiamento mentale.

E’ la struttura piramidale della nostra gerarchia che lo suggerisce.

Però non dobbiamo esagerare.

Quando chi sta al vertice parla od opera in modo non convincente, dobbiamo avere il coraggio di dirlo.

Non dobbiamo rifugiarci dietro l’ Ipse dixit.

Specie quando è lo stesso capo che dice “chi sono io per giudicare?” oppure quando si occupa di cose che, non essendo di sua competenza, non beneficiano della protezione divina.

Una di queste è senz’altro la politica del Papa attuale in materia di flussi migratori, che peraltro provoca dissensi proprio in seno alla gerarchia e che, se fosse applicata alla lettera, trasformerebbe tutte le chiese in dormitori pubblici.

Come questa:



Quanto detto per il Papa vale anche per Sergio Mattarella.

Ma non illudiamoci: adesso viene incensato da tutta la stampa, ma quando avrà concluso l’incarico inizieranno ad attaccarlo, come hanno fatto puntualmente con Giorgio Napolitano.

12 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Stelle: che delusione!

La velocità massima mai raggiunta da un veicolo con dentro un uomo è di 11 Km/sec. (pari a circa 347.000 Km/anno), mentre quella mai raggiunta da un veicolo di costruzione umana, ma senza presidio uma

Un risultato insperato

Avete notato che la Sinistra non è più filo-palestinese, come è sempre stata in passato? La svolta è coincisa con la nomina a senatrice a vita della signora Liliana Segre (2019) e la creazione della C

Tecniche comunicative

Stranamente le tecniche comunicative di Papa Francesco e di Giuseppe Conte sono identiche. Ogni qualvolta i due hanno un’idea nuova, prima la fanno filtrare informalmente, per vedere l’effetto che sus

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now