• Giglio Reduzzi

Metus reverentialis

Aggiornato il: 14 mag 2019

Metus reverentialis o timore reverenziale.

Noi cattolici siamo particolarmente colpiti da questo atteggiamento mentale.

E’ la struttura piramidale della nostra gerarchia che lo suggerisce.

Però non dobbiamo esagerare.

Quando chi sta al vertice parla od opera in modo non convincente, dobbiamo avere il coraggio di dirlo.

Non dobbiamo rifugiarci dietro l’ Ipse dixit.

Specie quando è lo stesso capo che dice “chi sono io per giudicare?” oppure quando si occupa di cose che, non essendo di sua competenza, non beneficiano della protezione divina.

Una di queste è senz’altro la politica del Papa attuale in materia di flussi migratori, che peraltro provoca dissensi proprio in seno alla gerarchia e che, se fosse applicata alla lettera, trasformerebbe tutte le chiese in dormitori pubblici.

Come questa:



Quanto detto per il Papa vale anche per Sergio Mattarella.

Ma non illudiamoci: adesso viene incensato da tutta la stampa, ma quando avrà concluso l’incarico inizieranno ad attaccarlo, come hanno fatto puntualmente con Giorgio Napolitano.

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Come scelgono i ministri

Sto leggendo il libro di Paolo Ferri (“Il cacciatore di comete”) che descrive il lungo viaggio della sonda spaziale “Rosetta” verso una cometa dal nome impronunciabile (Churyumov-Gerasimenko) e dalla

Note per il Capo dello Stato

Le due o tre cosette che la Storia rimprovererà al capo dello Stato in carica sono, a mio avviso,: non aver capito che nel 2018, con la nomina a deputato di 300 ragazzi in cerca di prima occupazione e

Chrislam

Distratti dagli affari correnti, non ci siamo accorti che, quatto quatto, stava nascendo la nuova religione sincretica mondiale. Trattasi del “Chrislam”, cioè della fusione delle (cosiddette) religion

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now