• Giglio Reduzzi

Organizzazione saudita del lavoro


Una delle cose che maggiormente mi aveva colpito visitando, per lavoro, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi, era il modo in cui venivano (e mi dicono vengano tuttora) esercitate le attività economiche da quelle parti.

Prendiamo per esempio un’impresa edile.

Il titolare è sempre, per legge, un cittadino di quegli Stati, e, molto spesso, un parente della casa regnante.

(Il che, nel caso dell’Arabia Saudita, si verifica in un caso su due, considerato l’affollamento che caratterizza la casa regnante.)

Poi però, quando guardi dentro l’azienda, scopri che in ufficio ci stanno solo egiziani e sulle impalcature solo yemeniti e/o pakistani.

Ebbene, ieri sera, saputo quanto il governo italiano si appresta a fare a favore degli immigrati sans papier, ho scoperto che anche gli italiani si stanno avviando verso quell’organizzazione simil-saudita del lavoro che tanto mi scandalizzava.

Infatti è evidente che, d’ora in poi, molte aziende agricole del nostro Paese avranno soltanto il titolare di origine italiana e che le fragole ed i pomodori saranno inizialmente solo raccolti ed in futuro anche piantati da immigrati “regolarizzati”.

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è