• Giglio Reduzzi

L'irrilevanza del buco nero

Non capisco tutto questo entusiasmo attorno al buco nero di recente scoperta.

Anche ammesso che si tratti di una fotografia (ma i più lo negano), essa non riguarda la situazione attuale, ma quella che esisteva 55 milioni di anni fa, questo essendo il tempo che la sua luce (che viaggia a 360.000 km al secondo) ha impiegato per essere captata dai nostri potenti telescopi.

Questa enorme distanza aggrava l’irrilevanza che dovremmo ragionevolmente attribuire ad ogni componente dell’universo che sia fuori della nostra portata, salvo quella puramente visiva che ci offrono le stelle guardando il cielo ad occhio nudo.

Infatti, la più vicina di esse (che tuttavia abbiamo il coraggio di chiamare “Proxima”) si trova a 4,2 anni luce dalla Terra, cioè ad una distanza che non saremo mai in grado di coprire.

Per fare un paragone, la luce del Sole arriva da noi dopo soli 8 minuti e 20 secondi.

Quella della Luna dopo poco più di 1 secondo.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo