• Giglio Reduzzi

L'irrilevanza del buco nero

Non capisco tutto questo entusiasmo attorno al buco nero di recente scoperta.

Anche ammesso che si tratti di una fotografia (ma i più lo negano), essa non riguarda la situazione attuale, ma quella che esisteva 55 milioni di anni fa, questo essendo il tempo che la sua luce (che viaggia a 360.000 km al secondo) ha impiegato per essere captata dai nostri potenti telescopi.

Questa enorme distanza aggrava l’irrilevanza che dovremmo ragionevolmente attribuire ad ogni componente dell’universo che sia fuori della nostra portata, salvo quella puramente visiva che ci offrono le stelle guardando il cielo ad occhio nudo.

Infatti, la più vicina di esse (che tuttavia abbiamo il coraggio di chiamare “Proxima”) si trova a 4,2 anni luce dalla Terra, cioè ad una distanza che non saremo mai in grado di coprire.

Per fare un paragone, la luce del Sole arriva da noi dopo soli 8 minuti e 20 secondi.

Quella della Luna dopo poco più di 1 secondo.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se