• Giglio Reduzzi

Perchè le aziende scappano

Dato che questo è il Paese più bello del mondo, credo che gli imprenditori, specialmente se stranieri, sarebbero felici di tenere qui le loro aziende, se solo vi trovassero un minimo di convenienza per farlo.

Vuoi mettere la differenza tra il sole di Varazze e quello di Cracovia!

Propense a lasciare l’Italia sono in primo luogo le imprese estere, perché per esse non vale neppure quell’ amor patrio del quale spesso manchiamo anche noi (per esempio la FIAT non ce l’ha) e che, quando c’è, costituisce l’unica forza che le tiene qui.

La realtà è che il nostro Paese non è adatto ad impiantarci un’impresa.

(In realtà è difficile dire per cosa sia adatto.)

Le relazioni tra Stato ed imprenditori sono ancora del tipo “homo homini lupus”, come erano nell’immediato dopoguerra, quando la minaccia comunista costringeva il Parlamento a sfornare una legislazione tutta spostata a favore del lavoratore.

E difatti, grazie all’art. 18, l’impresa non poteva mai licenziare. Poteva solo assumere.

E spesso era tenuta a farlo scegliendo il personale indipendentemente dal merito individuale e dal fabbisogno aziendale (Alitalia).

Ora la minaccia comunista è scomparsa, e così l’art.18, ma la mentalità soggiacente è rimasta. (Pensate al Ministro Orlando.)

Salvo che si tratti di aziende artigianali, lavoratore e datore di lavoro rimangono l’un contro l’altro armati.

Purtroppo l’attitudine anti-impresa è penetrata -ed ahimè è rimasta- soprattutto nello Stato, dove operano coloro cui spetta tenere sotto stretta sorveglianza le imprese.

Non è raro che un dipendente, licenziato dall’azienda, venga fatto riassumere da un giudice.

Inoltre questi controllori di imprese provengono in larga parte da aree geografiche diverse da quelle dove sorgono le aziende da sorvegliare.

Ne consegue che essi si trovano a dover giocare costantemente in trasferta ed hanno scarsa affinità culturale con gli imprenditori.

Non è un caso che questi ultimi invochino, da tempo ed a gran voce, un minimo di autonomia amministrativa.

96 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'origine del perdono

De Silvana numquam satis, verrebbe voglia di dire. Qualche giorno fa, su La Verità, Silvana De Mari ha scritto un articolo che avrà fatto sobbalzare sulla sedia più di una persona, ma è la pura verità

Il PD fa di necessità virtù

Come è noto, il PD è convinto che il governo del Paese gli tocchi per mandato divino, specie ora che riceve il supporto della Chiesa. Il partito di Letta fa proprio il detto: non lo fò per piacer mio

Solidarietà internazionale

Anche del Libano la comunità internazionale sembra essersi dimenticata, benché dovrebbe essere in cima alla lista delle nazioni che necessitano di solidarietà. Dopo il disastro che ha colpito Beirut l