• Giglio Reduzzi

Di quanto possiamo sforare?


Anche senza addentrarci ad esaminare la natura del debito (che ci porterebbe lontano),

visto che:

· per un Paese che abbia un debito, considerato normale, del 60% del PIL le regole comunitarie prevedono uno sforamento massimo (deficit) del 3% e che

· ad un Paese (come l’Italia) che ha un debito del 130% , la Commissione impone un deficit del 2%,

mi parrebbe logico concludere che :

· se un Paese (come la Francia) dovesse avere un debito del 95% (cioè a metà strada tra 60 e 130) gli si debba imporre uno sforamento massimo del 2,5% (che è a metà strada tra 2 e 3).

Questo dice la logica (e la matematica).

Ed il discorso vale, ovviamente, per tutte le situazioni intermedie.

Ma sarà proprio così? La Commissione europea sarà altrettanto rigorosa con la Francia quanto lo è con noi?

Speriamo.


16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o