• Giglio Reduzzi

Doppia delegittimazione

I risultati delle recenti elezioni regionali hanno confermato quanto sarebbe stato saggio da parte del presidente Mattarella che egli avesse risolto la crisi governativa del 2019 sulla base, non dei risultati delle elezioni politiche del 2018, che erano ormai vecchi, ma su quelli freschi freschi delle elezioni europee di pochi mesi prima.

Infatti la recente tornata elettorale ha dimostrato che, ad eccezione del M5S, la forza dei due schieramenti tradizionali è rimasta intatta, nonostante il cambio di etichetta (da europea a regionale).

Per quanto concerne il movimento fondato da Grillo, le elezioni di quest’anno non hanno fatto altro che evidenziare il declino di quel partito; il che però -in assenza di un rimbalzo- rappresenta esso stesso un elemento di conferma.

In sostanza il Capo dello Stato, con la sua inaspettata decisione di risolvere la crisi nelle aule parlamentari, ci ha fatto perdere tempo prezioso e rischia di farcene perdere dell’altro, se insisterà a lasciare che a governare siano persone che hanno perso ogni legittimazione.

Infatti alla delegittimazione de facto nascente dal recente risultato elettorale si aggiunge quella de iure originata dall’esito referendario sul taglio dei parlamentari.

E’ vero che gli italiani ormai sono abituati ad essere governati da persone che non sono legittimate a farlo, ma questa volta la delegittimazione sarebbe doppia (qualità + quantità)!

E si verificherebbe proprio nel momento in cui l’eccezionalità della situazione richiederebbe un’unità d’intenti da gabinetto di guerra.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è