• Giglio Reduzzi

E dovremmo pure vantarcene?

Aggiornamento: 8 mag 2021


Riassumendo:


1. Il controllo dei confini è sospeso. Chiunque bussi alla nostra porta è benvenuto. Se hai vent’anni, ma dichiari di averne sedici, ti crediamo sulla parola. I documenti non servono. Se sei contagiato ti isoliamo su una nave crociera.


2. In molte regioni del Sud le persone che detengono il potere de iure non coincidono con coloro che lo esercitano de facto.


3. La composizione del governo non riflette il sentiment nazionale, ma quello, più volte sconfessato, di tre anni fa (2018). Infatti il maggior partito di governo (M5S) è quasi scomparso nel Paese, ma mantiene integra la sua forza dentro il Parlamento.


4. La burocrazia statale è mal gestita e, nella sua composizione, non riflette l’apporto delle singole regioni alla ricchezza nazionale. Anzi è inversamente proporzionale.


5. Lo Stato non è in grado di rendere giustizia al cittadino. E non sa come ripristinare questo servizio. Persino il presidente del suo massimo organo (CSM) si è chiamato fuori.


6. L’ordine pubblico non esiste. Vige la legge della giungla: chi è più prepotente vince. Se ti rubano la casa, il prefetto dice che sono affari tuoi.


Non mi sembra che ci sia molto di cui vantarsi. Salvo che del nostro enorme patrimonio artistico e paesaggistico.

Che continui ad aver ragione Metternich?


77 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è