• Giglio Reduzzi

Ecumenismo ed ultra-ecumenismo

Aggiornato il: mag 7


La svolta ultra-ecumenica verificatasi con la Dichiarazione di Abu Dhabi (che mette tutte le religioni sullo stesso piano) è frutto esclusivo di questo papato ed ha colto tutti di sorpresa!

Non sarei meravigliato di apprendere che molti di noi non ne sapessero -e tuttora non ne sappiano- nulla.

Anche perché i parroci, imbarazzati, si guardano bene dall’informarci oppure, se interrogati, ci raccontano una storia diversa.

C’è persino chi si dà fare per cercare le radici della svolta nell’ecumenismo di papa Giovanni XXIII.

Ma non le troveranno mai.

Papa Roncalli pensava, se mai, ad un’azione ecumenica diretta alle confessioni cristiane diverse dalla cattolica, e particolarmente a quella ortodossa, che sapeva essere la più vicina di tutte.

Non va infatti dimenticato che egli era stato per quasi dieci anni delegato apostolico in un paese ortodosso, la Bulgaria, dove aveva anche svolto un ruolo importante nel matrimonio di re Boris con la “cattolicissima” Giovanna di Savoia.

Egli dunque poteva testimoniare di persona quanto le due confessioni fossero sovrapponibili e quanto poco fosse giustificata la separazione in essere.

Chi tenta di dare la colpa della svolta al Concilio Vaticano II e, indirettamente, al papa bergamasco, è solito citare la frase del card. Alfredo Ottaviani: «Prego Dio di farmi morire prima della fine di questo Concilio, così almeno muoio cattolico».

In realtà mi sembra evidente che il timore di Ottaviani fosse che il Concilio avrebbe finito per accogliere in tutto od in parte le posizioni delle confessioni riformate (calviniste, luterane, ecc.), non certo che si sarebbe spinto fino all’ecumenismo del papa regnante che mette tutte le religioni sullo stesso piano.

Non a caso Ottaviani disse che voleva morire da cattolico.

Non ha detto che voleva morire da cristiano.

61 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Salvini "Defensor Fidei" ?

Coloro che esprimono meraviglia per il fatto che Salvini sia rimasto l’unico (insieme all’ex boyscout Renzi) a difendere i valori del cristianesimo nell’aula del Senato dimostrano di avere la memori

L'uomo dei record

Esiste un uomo che è diventato Premier di un grande Paese senza aver mai fatto politica, neppure a livello comunale? Sì, è italiano e si chiama Giuseppe Conte. Esiste un uomo capace, in due anni conse

Nuove delusioni

La mia passione per la politica viene da lontano. Quando i miei compagni d’università andavano in Svezia per godere della maggior libertà sessuale ivi praticata, io, cretino, andavo a Londra per veder