• Giglio Reduzzi

Flat Tax

Aggiornato il: 25 giu 2018

La flat tax non è un costo, ma se mai una scommessa.

Essa configura un costo solo in condizioni di ceteris paribus.

Cioè immaginando che, una volta introdotta, tutto rimanga uguale a prima.

Uguali i consumi, uguale la ricchezza prodotta, uguale l’evasione.

Se invece si presume (come è ragionevole fare), che al calare delle imposte, aumentino i consumi (e, dopo un po’ i beni prodotti) e diminuisca l’evasione, allora la flat tax non è più un costo, ma una scommessa.

Peraltro equilibrata, perché è sensato ritenere che, al diminuire delle tasse, corrisponda un aumento della propensione a spendere (e produrre) ed un calo dell’evasione.

Se ne avvantaggiano i ricchi? Pazienza: l’importante è che se ne traggano beneficio anche i poveri.

Una cosa è certa: che la ricetta sinora adottata (tasse alte e differenziate) non funziona, perché il Paese, anno dopo anno, continua ad indebitarsi.

Dunque siamo di fronte a due ricette: una che siamo sicuri che non funziona ed una (la flat tax) che potrebbe funzionare.

Proviamola!

Solo chi vorrebbe veder piangere i ricchi non sarà mai d’accordo.

Purtroppo i benefici della flat tax hanno il difetto di non manifestarsi compiutamente nell’ immediato, perché le fabbriche, per produrre di più, hanno bisogno di un po’ di tempo.

Di conseguenza è pressoché certo che, nel primo anno di applicazione della riforma fiscale, il nostro Paese non sarà in grado di rispettare i vincoli europei.

Ma questo problema, lungi dal preoccuparci, dovrebbe indurre tutti i membri dell’UE a riflettere sull’opportunità o meno, anche in presenza di importanti riforme, di misurare la virtuosità di un Paese anno per anno, invece che, poniamo, ogni tre anni.

Ed a fare un’analoga riflessione anche sulla ragionevolezza di far quadrare i conti nel-

l’ arco temporale di soli dodici mesi.

Visto che, non solo riforme fiscali di questa portata, ma anche semplici investimenti produttivi spesso richiedono più di un anno solare per essere portati a termine.

9 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Papa Francesco è "cristiano"?

Qualche anno fa chiesero a papa Francesco se fosse davvero “cattolico”. La domanda era oziosa, perché era evidente che lo fosse. E difatti egli rispose in modo deciso (ed anche un po’ risentito) di es

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now