• Giglio Reduzzi

Formalmente a posto

Giuseppe Conte sa di essere inadatto al ruolo, ma essendo ambizioso, non pensa minimamente di doversi far da parte.

Almeno sino a quando anche chi l’ha nominato glielo farà capire o, meglio ancora, glielo dirà espressamente.

Ecco allora la sua strategia, che è poi tipica degli ambienti della Pubblica Amministrazione da cui proviene:

coinvolgere il maggior numero di persone in modo da diluire al massimo la responsabilità personale.

Fateci caso: ogni provvedimento che prende è sempre e solo la logica conseguenza di decisioni altrui.

Lui di suo non ci mette niente.

E’ per questo motivo che, al posto di un portavoce unico, il Premier nomina, prima, un commissario, poi un super-commissario ed infine una task force, andando nella direzione opposta a quella che tutti vorrebbero nel nome della chiarezza.

Ciò che conta per il Premier (e l’ambiente che lo circonda) è posi al riparo dalle critiche.

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se