• Giglio Reduzzi

Fretta sparita


Non credo che il Centro Destra abbia più tanta voglia di andare al governo.

Infatti, andarci significherebbe affrontare tutti i problemi che l’attuale esecutivo ha lasciato insoluti, se non aggravati, più quelli che nel frattempo si sono aggiunti.

Esempi del primo tipo sono l’ArcelarMittal e l’Alitalia.

ArcelorMittal: Conte e Di Maio volevano “ trascinare in tribunale” i proprietari dell’azienda tarantina ed ora, se tutto va bene, sarà lo Stato italiano a dover dare la buonuscita al sig. Mittal.

Alitalia: su questa azienda meglio stendere un velo pietoso. Se perdeva soldi quando faceva il pienone, figuriamoci adesso!

Altri soldi pubblici che se ne vanno.

Tra i problemi che si sono aggiunti c’è quello, beffardo, della famiglia Benetton, cui, sin dal giorno dopo il crollo del ponte Morandi, il M5S voleva togliere la concessione autostradale, ma non gli è mai riuscito di farlo.

Ora è la famiglia Benetton che vuol “trascinare in tribunale” lo Stato per il fatto che quest’ultimo non vuole dare anche alla loro Atlantia quei soldi (per la ripartenza post virus) che ha promesso a mari e monti, Fiat compresa.

Poi ci sono gli altri problemi, tutti grossi come una casa, scaturiti dall’epidemia di corona virus, tipo riaperture delle scuole, per non parlare da quelli che riguardano il comparto Giustizia, che più passa il tempo e più si rivelano di enorme portata e conseguente difficile soluzione.

Non ha tutti i torti Berlusconi a volere che sia il governo attuale ad affrontare questi temi e a… perdere definitivamente la faccia.

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è