• Giglio Reduzzi

"GHE PENSI MI"

Aggiornato il: 12 ott 2018

Com’è noto, nel triennio 2014, 2015 e 2016 sono entrati in Italia circa 600.000 migranti irregolari.

Ebbene io penso che, ogni qualvolta uno di questi commette un reato, chi era al governo del Paese in quel periodo dovrebbe essere chiamato in giudizio in qualità di correo, per il fatto che, oltre a lasciarli venire, ci raccomandava di non abbandonare le nostre abitudini e quindi, implicitamente, si rendeva garante della loro buona condotta.

Purtroppo (e me ne dispiace) anche la Chiesa italiana ha commesso lo stesso errore quando, per i cento migranti ex nave Diciotti, ha detto: dateli a me che “ghe pensi mi” e poi il giorno dopo li ha lasciati scappare tutti ponendoli di fatto a nostro carico (e rischio).

Inoltre, e questo vale per tutti i migranti, buoni e cattivi, rimane il problema che il governo li ha fatti entrare senza aver prima chiesto l’autorizzazione ai suoi cittadini, cioè a coloro cui conferiva l’onere di conviverci, a dispetto di tutte le incompatibilità (culturali, religiose, economiche).

Mi pare che il governo, così facendo, più che “ farsi bello con i soldi degli altri”, si sia reso colpevole di un gigantesco “danno erariale”.




29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se