• Giglio Reduzzi

Guerra al Vino

Aggiornamento: 19 feb

L’idea dell’UE di considerare il vino cancerogeno e di scriverlo sull’etichetta la dice lunga sulla distanza che intercorre tra i burocratici dell'Unione (in prevalenza nordici) e gli usi e costumi di taluni dei suoi Paesi membri (tipo Italia e Spagna, cioè meridionali).

La ragione è che, in Italia, il vino è un companatico, mentre altrove è una bevanda che si beve fuori dai pasti, come alternativa leggera ai superalcoolici (whiskey, grappa, vodka).

Ed allora sì che il vino può causare un danno alla salute.

E’ proprio quello che gli spagnoli hanno cercato di evitare introducendo l’uso delle “tapas”.

Infatti in Spagna non si beve mai vino senza che questo venga “accompagnato” da delle tapas (un gambero od una fetta di prosciutto a seconda delle regioni).

Bevuto ai pasti, il vino diventa un digestivo.

Alla pari del caffè espresso, che solo gli stranieri considerano una bevanda e non a caso lo vogliono sempre “lungo”.

Dunque l’UE, se mai, dovrebbe sconsigliare l’uso del vino e delle altre bevande alcooliche “fuori dai pasti”.

Ma non credo che la direttiva europea in corso di elaborazione ci debba preoccupare molto: basterà che le nostre bottiglie di vino rechino la stesso avvertimento che sarà posto sulle bottiglie di produzione francese, cioè nulla.

Infatti è facile immaginare che nessun produttore francese vorrà dare applicazione a questa assurda direttiva.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel