• Giglio Reduzzi

I cambi d'agenda

Con la nascita del nuovo governo, il cittadino è curioso di sapere quale soluzione l’esecutivo darà ai problemi che più gli stanno a cuore (migrazione, riforma fiscale, ecc.) e che il vecchio governo aveva lasciato insoluti.

Pia illusione.

Il nuovo esecutivo sapete che fa?

Ignora i temi lasciati in sospeso e ne tira fuori di nuovi (carte di credito, nuova legge elettorale, ius soli, età minima per esercitare il diritto di voto, ecc.), legittimando il sospetto che i partiti al governo stiano privilegiando i pochi temi su cui sono d’accordo piuttosto che quelli che interessano ai cittadini.

Inoltre, avendo promesso che avrebbero ridotto le tasse esistenti, ma essendosi nel frattempo accorti di non poterlo fare, ne stanno introducendo di nuove con la scusa di operare per il nostro bene (un classico per la sinistra dirigista) o per quello della Terra.

Il tutto preceduto da una sapiente regia mediatica volta, da un lato, ad oscurare gli sbarchi dei migranti africani nel meridione d’Italia e, dall’altro, ad enfatizzare la portata dei cambiamenti atmosferici.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Mission accomplished

Complice il COVID ho letto un altro di quei libri che in condizioni normali non avrei mai letto (il titolo non mi entusiasmava), ma ora sono contento di averlo fatto. Si tratta de “La capanna di padre

Come scelgono i ministri

Sto leggendo il libro di Paolo Ferri (“Il cacciatore di comete”) che descrive il lungo viaggio della sonda spaziale “Rosetta” verso una cometa dal nome impronunciabile (Churyumov-Gerasimenko) e dalla

Note per il Capo dello Stato

Le due o tre cosette che la Storia rimprovererà al capo dello Stato in carica sono, a mio avviso,: non aver capito che nel 2018, con la nomina a deputato di 300 ragazzi in cerca di prima occupazione e

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now