• Giglio Reduzzi

I comunisti sono ancora qui

Non vorrei sbagliarmi, ma mi sembra che nel nostro Paese il crollo del muro di Berlino abbia avuto effetti diversi, se non opposti, a quelli che ebbe nel resto del mondo.

Infatti, mentre, caduto il muro, fuori d’Italia i comunisti sono scappati a gambe levate, quelli di casa nostra sono rimasti tutti al loro posto ed, anzi, alcuni di loro hanno assunto ruoli che mai prima si sarebbero sognati di svolgere.

Tipo Presidenza della Repubblica e Premierato.

Hanno solo cambiato, più volte, il nome, ma non hanno mai fatto un filino di autocritica.

Sembra quasi che essere stato comunista sia stata una benemerenza da infilare nel curriculum.

Lo stesso avviene ancora oggi a livello culturale.

Ci sono fior di professori (per lo più emeriti) che, dopo aver passato una vita a spiegarci le virtù del marxismo, ora vengono chiamati in TV a commentare i fatti del giorno.

Ed essi hanno il coraggio di andarci, anche quando a convocarli sono quei canali televisivi privati cui loro, da giovani, volevano negare il diritto di esistere!

74 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'origine del perdono

De Silvana numquam satis, verrebbe voglia di dire. Qualche giorno fa, su La Verità, Silvana De Mari ha scritto un articolo che avrà fatto sobbalzare sulla sedia più di una persona, ma è la pura verità

Il PD fa di necessità virtù

Come è noto, il PD è convinto che il governo del Paese gli tocchi per mandato divino, specie ora che riceve il supporto della Chiesa. Il partito di Letta fa proprio il detto: non lo fò per piacer mio

Solidarietà internazionale

Anche del Libano la comunità internazionale sembra essersi dimenticata, benché dovrebbe essere in cima alla lista delle nazioni che necessitano di solidarietà. Dopo il disastro che ha colpito Beirut l