• Giglio Reduzzi

I deliri di Delrio

Aggiornato il: 4 giu 2020

Solo alla tenera età alla quale mi ritrovo, quindi con imperdonabile ritardo, mi rendo conto di quanto sia inutile tentare di convincere una persona fortemente ideologizzata ad abbandonare le sue posizioni, sia che esse riguardino la politica o la religione od altro ancora.

Non c’è niente da fare. L’ideologia è una brutta bestia. Anche le persone più intelligenti e scolarizzate, messe di fronte alle pecche del loro pensiero-guida, continuano imperterrite a camminare per la propria strada.

Indurle a cambiare idea è tempo perso.

Piuttosto che abbandonarla, esse preferiscono:

  • mettere in risalto i lati positivi che essa contiene,

  • evidenziare gli errori degli avversari,

  • ignorare la realtà in cui vivono o distorcerne la rappresentazione.

Tutto fuorché arrendersi.

Emblematico sotto questo profilo è il comportamento degli eredi del comunismo di cui abbiamo appena parlato.

Sono curioso di vedere se essi resisteranno anche di fronte alle ammissioni di Luca Palamara, che hanno fornito la prova provata di quanto intensamente la Magistratura abbia sostenuto la Sinistra negli ultimi trent’anni.

Sostegno che la sinistra, così fortemente ideologizzata, ha sempre negato contro ogni evidenza.

Il caso della persecuzione giudiziaria a Silvio Berlusconi è solo il più clamoroso, ma non è l’unico.

Prima c’è stato quello di Giulio Andreotti, accusato nientemeno di essere stato mandante di un omicidio.

In epoca più recente abbiamo la persecuzione a Matteo Salvini, cui fa da contraltare il silenzio assoluto della Magistratura nei confronti dei suoi avversari di sinistra, primo tra tutti l’ex ministro Graziano Delrio.

Graziano Delrio è infatti la persona che, in quanto titolare del Ministero delle Infrastrutture, avrebbe dovuto assicurarsi che le autostrade date in concessione ad Atlantia (famiglia Benetton) venissero regolarmente mantenute; cosa che egli non fece mai e che causò il crollo del ponte Morandi, unitamente alla perdita di tante vite umane.

Delrio non fu mai accusato di alcuna inadempienza, mentre, in analoghe condizioni, lo furono altri dirigenti d’azienda, come Mauro Moretti, manager delle Ferrovie dello Stato (per la strage di Livorno) ed i dirigenti del ThyssenKrupp (per l’incendio di Torino).

Delrio è anche responsabile di cose più gravi.

Per esempio di avere (lui ex ministro) incoraggiato la capitana tedesca Carola Rachete a disattendere le leggi italiane ed entrare a forza in un porto italiano, per sbarcarvi dei migranti senza documenti; due dei quali furono successivamente riconosciuti colpevoli di gravissimi reati e condannati a vent’anni!

Episodio, quest’ultimo, di cui la stampa di sinistra ha parlato molto poco o non ha parlato affatto, ma che è il più significativo di tutti nell’indicare il grado di politicizzazione raggiunto dalla Magistratura italiana: anzicchè processare chi ha infranto le leggi (Delrio), si processa chi le ha scritte (Salvini).

Più che una distorsione, una beffa.

22 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Un fior di occasione

Sergio Mattarella ha sempre detto che al governo voleva un’alleanza coesa? Bene, adesso ha un fior di occasione per farlo, dando l’incarico al Centro-Destra. Infatti non può negare che un governo di C

Il ruolo dell'Opposizione

Francamente non capisco perché il Centro Destra vorrebbe far cadere questo governo, ma al tempo stesso dice che voterà a favore del provvedimento governativo volto, nelle intenzioni, a “ristorare” i l

Mission accomplished

Complice il COVID ho letto un altro di quei libri che in condizioni normali non avrei mai letto (il titolo non mi entusiasmava), ma ora sono contento di averlo fatto. Si tratta de “La capanna di padre

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now