• Giglio Reduzzi

I "lager" libici

Aggiornato il: 29 ago 2018

Il provincialismo di certi politici nostrani si vede anche quando, osservando i centri di accoglienza libici, essi definiscono quei luoghi con il termine spregiativo di “lager”.

Così facendo essi dimenticano che, solo alcuni decenni fa, un civilissimo paese europeo, come la Germania, si comportava nella stessa identica maniera dei libici.

Essi dimenticano altresì che, per maturare la maggiore sensibilità umana riscontrabile nei centri di prima accoglienza europei, ci sono voluti secoli, per cui è illusorio che gli africani possano acquisirla d’amblée.

In Africa, dove muore un neonato su due, la vita non ha lo stesso valore che essa ha in Europa, dove si spendono milioni anche per salvare un gatto.

La secchiata d’acqua refrigerante che il custode di un centro d’accoglienza libico getta sugli internati seduti sotto il sole cocente corrisponde alla doccia installata nei centri europei.

Quando c’è.



9 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Zan preferito a Zen ?

Sono sbalordito dalle ultime mosse di Papa Francesco. 1) Stentavo a credere che il Papa non avrebbe dato udienza all’anziano card. Zen (vescovo emerito di Hong Kong), che era venuto a Roma apposta per

Stelle: che delusione!

Partiamo da alcuni dati incontestabili. La velocità massima mai raggiunta da un veicolo con dentro un uomo è di 11 Km/sec. (pari a circa 347.000 Km/anno), mentre quella mai raggiunta da un veicolo di

Un risultato insperato

Avete notato che la Sinistra non è più filo-palestinese, come è sempre stata in passato? La svolta è coincisa con la nomina a senatrice a vita della signora Liliana Segre (2019) e la creazione della C

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now