• Giglio Reduzzi

I "lager" libici

Aggiornato il: 29 ago 2018

Il provincialismo di certi politici nostrani si vede anche quando, osservando i centri di accoglienza libici, essi definiscono quei luoghi con il termine spregiativo di “lager”.

Così facendo essi dimenticano che, solo alcuni decenni fa, un civilissimo paese europeo, come la Germania, si comportava nella stessa identica maniera dei libici.

Essi dimenticano altresì che, per maturare la maggiore sensibilità umana riscontrabile nei centri di prima accoglienza europei, ci sono voluti secoli, per cui è illusorio che gli africani possano acquisirla d’amblée.

In Africa, dove muore un neonato su due, la vita non ha lo stesso valore che essa ha in Europa, dove si spendono milioni anche per salvare un gatto.

La secchiata d’acqua refrigerante che il custode di un centro d’accoglienza libico getta sugli internati seduti sotto il sole cocente corrisponde alla doccia installata nei centri europei.

Quando c’è.



9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Un fior di occasione

Sergio Mattarella ha sempre detto che al governo voleva un’alleanza coesa? Bene, adesso ha un fior di occasione per farlo, dando l’incarico al Centro-Destra. Infatti non può negare che un governo di C

Il ruolo dell'Opposizione

Francamente non capisco perché il Centro Destra vorrebbe far cadere questo governo, ma al tempo stesso dice che voterà a favore del provvedimento governativo volto, nelle intenzioni, a “ristorare” i l

Mission accomplished

Complice il COVID ho letto un altro di quei libri che in condizioni normali non avrei mai letto (il titolo non mi entusiasmava), ma ora sono contento di averlo fatto. Si tratta de “La capanna di padre

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now