• Giglio Reduzzi

I "lager" libici

Aggiornato il: 29 ago 2018

Il provincialismo di certi politici nostrani si vede anche quando, osservando i centri di accoglienza libici, essi definiscono quei luoghi con il termine spregiativo di “lager”.

Così facendo essi dimenticano che, solo alcuni decenni fa, un civilissimo paese europeo, come la Germania, si comportava nella stessa identica maniera dei libici.

Essi dimenticano altresì che, per maturare la maggiore sensibilità umana riscontrabile nei centri di prima accoglienza europei, ci sono voluti secoli, per cui è illusorio che gli africani possano acquisirla d’amblée.

In Africa, dove muore un neonato su due, la vita non ha lo stesso valore che essa ha in Europa, dove si spendono milioni anche per salvare un gatto.

La secchiata d’acqua refrigerante che il custode di un centro d’accoglienza libico getta sugli internati seduti sotto il sole cocente corrisponde alla doccia installata nei centri europei.

Quando c’è.



9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se