• Giglio Reduzzi

I "Navigator"

La storia dei navigator sembra una barzelletta.

Dovrebbe trattarsi di persone specializzate nel far incontrare la domanda di lavoro con l’offerta.

Il loro profilo ideale dovrebbe essere quello di una persona grondante esperienza che, non avendo necessità di un posto per sé o per i suoi figli, lo cerca per chi il posto non ce l’ha.

Invece è tutto il contrario: si tratta di ragazzi disoccupati che cercano il primo impiego proprio nel settore in cui dovrebbero avere esperienza da vendere.

Tant’è che, appena selezionati, dovranno imparare ad usare le armi del mestiere.

Ma le contraddizioni non finiscono qui.

Infatti dove sono i super-navigator, cioè quelli che dovranno insegnare il lavoro ai navigator?

E perché, se ci sono, non vengono usati già adesso? Visto che, raro caso di carro davanti ai buoi, i navigatori sono molto lontano dall’esserci, ma i percettori del reddito di cittadinanza, cioè i loro “studenti” sì?

Non è un po’ come aver fatto entrare gli scolari in classe prima di aver selezionato gli insegnanti?

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o