• Giglio Reduzzi

I "Navigator"

La storia dei navigator sembra una barzelletta.

Dovrebbe trattarsi di persone specializzate nel far incontrare la domanda di lavoro con l’offerta.

Il loro profilo ideale dovrebbe essere quello di una persona grondante esperienza che, non avendo necessità di un posto per sé o per i suoi figli, lo cerca per chi il posto non ce l’ha.

Invece è tutto il contrario: si tratta di ragazzi disoccupati che cercano il primo impiego proprio nel settore in cui dovrebbero avere esperienza da vendere.

Tant’è che, appena selezionati, dovranno imparare ad usare le armi del mestiere.

Ma le contraddizioni non finiscono qui.

Infatti dove sono i super-navigator, cioè quelli che dovranno insegnare il lavoro ai navigator?

E perché, se ci sono, non vengono usati già adesso? Visto che, raro caso di carro davanti ai buoi, i navigatori sono molto lontano dall’esserci, ma i percettori del reddito di cittadinanza, cioè i loro “studenti” sì?

Non è un po’ come aver fatto entrare gli scolari in classe prima di aver selezionato gli insegnanti?

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo