top of page
  • Immagine del redattoreGiglio Reduzzi

I servizi pubblici della RAI

Toh -ho pensato- finalmente il TG ha finito di parlarci di guerra, sbarchi di clandestini, capricci del tempo, accoltellamenti di fidanzati, morte di personaggi illustri e ci racconta un po’ di cose belle.

Infatti passa a parlarci dei nuovi modelli di automobili.

Che bello: avevo giusto bisogno di una macchina nuova.

Ma mi sbagliavo: la bionda presentatrice ha utilizzato gran parte della sua rubrica per illustrarci i tesori nascosti nell’ultimo modello della Ferrari.

Un gioiellino dove puoi correre fino ad oltre 300 km all’ora, aprire il tettuccio in pochi secondi, passare liberamente da una modalità di trazione all’altra, ecc. ecc.

Peccato che, per acquistarla, dovrei spendere l’equivalente, che non ho, di tre o quattro appartamenti per dare l’anticipo ed accendere un mutuo per effettuare il saldo.

Insomma, mi illudevo: non è roba per me. Né, credo, sia roba per il 99% degli ascoltatori.

Possibile che la RAI non si renda conto di essere un servizio pubblico e che forse sarebbe il caso di spendere meglio il tempo (tutto prime time tra l’altro) a disposizione?

Per la nuova Ferrari bastava un depliant in bassa tiratura da inviare ai suoi clienti abituali.


93 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Magistrati e Migranti

Perché il giudice di Catania sbaglia. Non è in suo potere verificare la compatibilità delle leggi ordinarie italiane con il diritto comunitario. Al massimo, se vuole, può raffrontarle con la Costituzi

Matteo Messina Denaro

Martedì sera (25 settembre) RAI3 ha dedicato tutta la prima serata per celebrarne la cattura. Non capisco perché l’abbia fatto. L’arresto del capo mafia costituisce un fatto eccezionale di per sé, ma

La Prudenza della Premier

Qualche volta capita anche a me di chiedermi come mai la signora Meloni, ora che è al governo, non faccia le stesse cose che diceva avrebbe fatto quando era in campagna elettorale, specie in materia d

bottom of page