• Giglio Reduzzi

Il grande "assist"


Per Giuseppe Conte i colpi di fortuna non cessano mai.

Ieri è arrivato quello più importante di tutti: l’assist del Papa.

Il più importante, non solo per l’autorità morale di chi l’ha pronunciato, ma anche per la chiarezza con cui è stato formulato.

Infatti mentre Sergio Mattarella si era limitato ad auspicare una generica unità d’intenti, il Papa si è spinto oltre, sino a citare il proverbio argentino “Non si cambia cavallo a metà del guado”, che è l’equivalente del nostro “Squadra vincente non si cambia”.

Il che è oltremodo significativo, visto che esso viene da un Papa che ha sempre detto, dato il carattere universale del suo mandato, di non volersi occupare delle questioni di politica locale.

Chissà se avrebbe detto la stessa cosa qualora al governo ci fosse stato quel Matteo Salvini, che pure avrebbe avuto qualche merito elettorale in più di Giuseppe Conte per esserci.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se