• Giglio Reduzzi

Il grande "assist"


Per Giuseppe Conte i colpi di fortuna non cessano mai.

Ieri è arrivato quello più importante di tutti: l’assist del Papa.

Il più importante, non solo per l’autorità morale di chi l’ha pronunciato, ma anche per la chiarezza con cui è stato formulato.

Infatti mentre Sergio Mattarella si era limitato ad auspicare una generica unità d’intenti, il Papa si è spinto oltre, sino a citare il proverbio argentino “Non si cambia cavallo a metà del guado”, che è l’equivalente del nostro “Squadra vincente non si cambia”.

Il che è oltremodo significativo, visto che esso viene da un Papa che ha sempre detto, dato il carattere universale del suo mandato, di non volersi occupare delle questioni di politica locale.

Chissà se avrebbe detto la stessa cosa qualora al governo ci fosse stato quel Matteo Salvini, che pure avrebbe avuto qualche merito elettorale in più di Giuseppe Conte per esserci.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o