• Giglio Reduzzi

Il grande "assist"


Per Giuseppe Conte i colpi di fortuna non cessano mai.

Ieri è arrivato quello più importante di tutti: l’assist del Papa.

Il più importante, non solo per l’autorità morale di chi l’ha pronunciato, ma anche per la chiarezza con cui è stato formulato.

Infatti mentre Sergio Mattarella si era limitato ad auspicare una generica unità d’intenti, il Papa si è spinto oltre, sino a citare il proverbio argentino “Non si cambia cavallo a metà del guado”, che è l’equivalente del nostro “Squadra vincente non si cambia”.

Il che è oltremodo significativo, visto che esso viene da un Papa che ha sempre detto, dato il carattere universale del suo mandato, di non volersi occupare delle questioni di politica locale.

Chissà se avrebbe detto la stessa cosa qualora al governo ci fosse stato quel Matteo Salvini, che pure avrebbe avuto qualche merito elettorale in più di Giuseppe Conte per esserci.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è