• Giglio Reduzzi

Il mito della nazionalizzazione

Aggiornamento: 31 dic 2019


Fosse per quelli del Movimento Cinque Stelle, loro nazionalizzerebbero tutto: le autostrade, la banca di Bari, l’ex Ilva, l’Alitalia.

Come se l’esperienza delle aziende di Stato non fosse mai esistita e non fosse miseramente fallita ovunque.

Non si accorgono che essa era e rimane un mito. Un patetico mito giovanile.

Come se, nazionalizzando un’azienda, il problema sparisse.

Mentre in realtà si complica, perché l’esperienza insegna che quando una proprietà diventa di molti in realtà è come se diventasse di nessuno.

Soprattutto in Italia, dove la parola “contribuenti” non viene mai usata e viene sempre sostituita con quella di “Stato”, che non si capisce bene cosa sia.













6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo