• Giglio Reduzzi

Il mito della nazionalizzazione

Aggiornato il: 31 dic 2019


Fosse per quelli del Movimento Cinque Stelle, loro nazionalizzerebbero tutto: le autostrade, la banca di Bari, l’ex Ilva, l’Alitalia.

Come se l’esperienza delle aziende di Stato non fosse mai esistita e non fosse miseramente fallita ovunque.

Non si accorgono che essa era e rimane un mito. Un patetico mito giovanile.

Come se, nazionalizzando un’azienda, il problema sparisse.

Mentre in realtà si complica, perché l’esperienza insegna che quando una proprietà diventa di molti in realtà è come se diventasse di nessuno.

Soprattutto in Italia, dove la parola “contribuenti” non viene mai usata e viene sempre sostituita con quella di “Stato”, che non si capisce bene cosa sia.













6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Salvini "Defensor Fidei" ?

Coloro che esprimono meraviglia per il fatto che Salvini sia rimasto l’unico (insieme all’ex boyscout Renzi) a difendere i valori del cristianesimo nell’aula del Senato dimostrano di avere la memori

L'uomo dei record

Esiste un uomo che è diventato Premier di un grande Paese senza aver mai fatto politica, neppure a livello comunale? Sì, è italiano e si chiama Giuseppe Conte. Esiste un uomo capace, in due anni conse

Nuove delusioni

La mia passione per la politica viene da lontano. Quando i miei compagni d’università andavano in Svezia per godere della maggior libertà sessuale ivi praticata, io, cretino, andavo a Londra per veder