• Giglio Reduzzi

Il supposto pericolo fascista

In Italia l’aver avuto il maggior partito comunista europeo non è rimasto senza conseguenze.

Il comunismo non ha mai espresso un suo governo, ma ha occupato tutti gli altri centri di potere.

A trent’anni dall’abbattimento del muro di Berlino (il termine crollo è decisamente improprio), l’ideologia di base è scomparsa nella forma, ma rimasta nella sostanza.

Basta vedere l’atteggiamento mainstream nei confronti dei datori di lavoro, tuttora considerati sfruttatori del popolo.

Per non far brutta figura, coloro che a suo tempo erano comunisti, da qualche anno, si fanno chiamare anti-fascisti.

Pertanto il fascismo, che è morto e sepolto, viene presentato come un pericolo tuttora attuale, solo perché altrimenti non saprebbero come definirsi.

Benché tutti i movimenti di estrema destra, visti gli scarsi risultati ottenuti alle ultime elezioni, abbiano deciso di non ripresentarsi alle prossime, i piccoli episodi che avvengono qua e là per l’ improvvida iniziativa di alcuni nostalgici del fascismo, vengono ingigantiti ad arte, quasi fossero focolai identificativi di una fiume lavico sotterraneo pronto ad esplodere.

La verità è che il pericolo fascista non esiste.

Semmai esistono le conseguenze dell’ideologia comunista: quella che tiene lontano gli investitori dal suolo italiano, perché sanno che qui l’impresa non è benvenuta.

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo