• Giglio Reduzzi

In piena dittatura

Se chiamiamo dittatore colui che non concede le elezioni per timore che i cittadini si esprimano in modo difforme dal suo orientamento politico, come dobbiamo chiamare colui che non concede le elezioni avendo, non il timore, ma l’assoluta certezza che gli elettori si esprimerebbero in senso contrario?

Eppure questo è proprio quanto si è verificato in Italia nello scorso mese di Agosto.

Ovviamente il mancato ricorso alle urne (che non ha mancato di suscitare dissensi persino da parte di chi ne ha tratto beneficio) aveva bisogno di una giustificazione legale.

Peccato che, come ho dimostrato in un precedente post, nessun costituzionalista abbia fatto rilevare quanto fosse debole quella copertura giuridica, che faceva prevalere la puntualizzazione di un diritto sulla sua semplice e chiara enunciazione.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è