• Giglio Reduzzi

Inarrestabile discesa di Grasso

Alla inarrestabile salita di Salvini si contrappone la precipitosa discesa di coloro che, fino a qualche mese fa, rappresentavano i numeri due e tre di questo povero Paese.

Parlo ovviamente di Laura Boldrini e di Pietro Grasso.

Della Boldrini non avevo mai parlato, per la convinzione (ora trasformatasi in consapevolezza) che non ne valesse la pena.

Di Grasso mi ero limitato a dire, quando decise di scendere in politica, che sentivo puzza di Antonio Ingroia, date le straordinarie somiglianze tra i due personaggi: stessa città di provenienza, stessa università, stessa carriera in Magistratura, stesso orientamento ideologico.

E difatti ebbero la stessa fine ingloriosa.

Osservo, en passant, che anche di queste umilianti cadute non sento mai parlare né Floris, né Formigli, né la Gruber.



11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Salvini "Defensor Fidei" ?

Coloro che esprimono meraviglia per il fatto che Salvini sia rimasto l’unico (insieme all’ex boyscout Renzi) a difendere i valori del cristianesimo nell’aula del Senato dimostrano di avere la memori

L'uomo dei record

Esiste un uomo che è diventato Premier di un grande Paese senza aver mai fatto politica, neppure a livello comunale? Sì, è italiano e si chiama Giuseppe Conte. Esiste un uomo capace, in due anni conse

Nuove delusioni

La mia passione per la politica viene da lontano. Quando i miei compagni d’università andavano in Svezia per godere della maggior libertà sessuale ivi praticata, io, cretino, andavo a Londra per veder