• Giglio Reduzzi

Inarrestabile discesa di Grasso

Alla inarrestabile salita di Salvini si contrappone la precipitosa discesa di coloro che, fino a qualche mese fa, rappresentavano i numeri due e tre di questo povero Paese.

Parlo ovviamente di Laura Boldrini e di Pietro Grasso.

Della Boldrini non avevo mai parlato, per la convinzione (ora trasformatasi in consapevolezza) che non ne valesse la pena.

Di Grasso mi ero limitato a dire, quando decise di scendere in politica, che sentivo puzza di Antonio Ingroia, date le straordinarie somiglianze tra i due personaggi: stessa città di provenienza, stessa università, stessa carriera in Magistratura, stesso orientamento ideologico.

E difatti ebbero la stessa fine ingloriosa.

Osservo, en passant, che anche di queste umilianti cadute non sento mai parlare né Floris, né Formigli, né la Gruber.



11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel