• Giglio Reduzzi

Incompatibilità culturale

Aggiornato il: 14 mar 2019

Ho notato che, quando si parla della necessità di regolare i flussi migratori verso il nostro Paese, c’è una forte riluttanza a fare delle cifre, nell’evidente timore di passare per xenofobi.

Eppure il limite c’è ed è addirittura doppio.

Infatti, oltre al limite quantitativo, ne esiste uno di carattere qualitativo e consiste nella incompatibilità culturale.

Che è quella cosa per cui, mentre la generalità degli europei trova giusto aprire scuole e scavare pozzi in territorio Masai, a nessun europeo verrebbe mai in mente di portarsi a casa un Masai.

(Specie dopo aver visto cosa usano come brillantina e come intonaco per le capanne.)

Coloro che costringono gli italiani a convivere con persone portatrici di culture tanto diverse dalla nostra (e non certo per colpa loro) o non conoscono queste culture oppure nutrono un profondo disprezzo per la nostra.

Ecco perché, salvo i rappresentanti pro-tempore della Chiesa cattolica, si va facendo strada, anche a livello governativo, l’idea (una volta considerata eversiva) dell’”aiutiamoli a casa loro”.

Questa non è xenofobia, detta anche razzismo.

Razzisti potevano definirsi gli americani quando, ai tempi di Caruso, criticavano gli italiani per il fatto che, anziché lavarsi i capelli, si impomatavano la testa con la brillantina.

Ma certo non avrebbero potuto definirsi tali se gli italiani, al posto della brillantina, avessero usato la cacca delle mucche, come fanno tuttora i Masai.

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Progredire non è trasgredire

L’esperienza di vita dovrebbe averci insegnato che i dieci comandamenti sono cosa buona e giusta anche per i non credenti. Lo stesso dicasi per alcuni valori naturali che stanno alla base di un’ordina

Ecumenismo ed ultra-ecumenismo

La svolta ultra-ecumenica verificatasi con la Dichiarazione di Abu Dhabi (che mette tutte le religioni sullo stesso piano) è frutto esclusivo di questo papato ed ha colto tutti di sorpresa. Non sarei

Omosessualità no, ma....

La recente dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) che nega ai sacerdoti la facoltà di benedire le coppie omosessuali, essendo di un’ovvietà assoluta, era del tutto superflu

Call

T: 

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now