• Giglio Reduzzi

Incompatibilità culturale

Aggiornamento: 14 mar 2019

Ho notato che, quando si parla della necessità di regolare i flussi migratori verso il nostro Paese, c’è una forte riluttanza a fare delle cifre, nell’evidente timore di passare per xenofobi.

Eppure il limite c’è ed è addirittura doppio.

Infatti, oltre al limite quantitativo, ne esiste uno di carattere qualitativo e consiste nella incompatibilità culturale.

Che è quella cosa per cui, mentre la generalità degli europei trova giusto aprire scuole e scavare pozzi in territorio Masai, a nessun europeo verrebbe mai in mente di portarsi a casa un Masai.

(Specie dopo aver visto cosa usano come brillantina e come intonaco per le capanne.)

Coloro che costringono gli italiani a convivere con persone portatrici di culture tanto diverse dalla nostra (e non certo per colpa loro) o non conoscono queste culture oppure nutrono un profondo disprezzo per la nostra.

Ecco perché, salvo i rappresentanti pro-tempore della Chiesa cattolica, si va facendo strada, anche a livello governativo, l’idea (una volta considerata eversiva) dell’”aiutiamoli a casa loro”.

Questa non è xenofobia, detta anche razzismo.

Razzisti potevano definirsi gli americani quando, ai tempi di Caruso, criticavano gli italiani per il fatto che, anziché lavarsi i capelli, si impomatavano la testa con la brillantina.

Ma certo non avrebbero potuto definirsi tali se gli italiani, al posto della brillantina, avessero usato la cacca delle mucche, come fanno tuttora i Masai.

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o