• Giglio Reduzzi

Inglesi "rozzi ed ignoranti"

Aggiornamento: 27 dic 2019

Le parole pronunciate da Nicola Zingaretti a commento dello strepitoso successo dei conservatori in Gran Bretagna (sono persone “rozze ed ignoranti”) confermano quanto disprezzo abbia la Sinistra per il popolo, quando non voti in conformità ai suoi desideri.

Tuttavia queste parole non debbono fare meraviglia, neppure quando siano pronunciate da persone per bene come indubbiamente è il caso del segretario PD.

Per la semplice ragione (lo constato giornalmente) che chiunque è di sinistra ritiene normale che un cittadino appena appena informato debba votare per i suoi rappresentanti.

Solo così (secondo loro) l’elettorato consente alla Sinistra di esercitare quel diritto a governare che anche gli adepti non credenti considerano sacro. Figuriamoci i più devoti!

Benché sia vero che mediamente gli eletti di sinistra sono meno abbienti di quelli di destra, per cui anche l’elevata retribuzione dei posti di comando esercita su di loro maggior attrattiva che sugli altri (la cosiddetta colla che li tiene attaccati alla poltrona), a mio avviso, è la natura della colla che fa la differenza!

Ed è, nella maggior parte dei casi, una colla ideologica: l’idea che solo loro abbiano ricevuto dall’alto il mandato di governare.

Quelli di centro-destra sono “unfit” (indegni) di stare al governo.

Per esercitare questo mandato essi sono disposti a ricorrere a tutti i mezzi, compresi i più machiavellici, come Sergio Mattarella insegna.











15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è