• Giglio Reduzzi

L ' APP anti-contagio

Aggiornamento: 26 apr 2020

Ecco le ragioni per cui la famosa App che dovrebbe aiutarci ad evitare il contagio non funzionerà mai.

Per essere di qualche utilità, essa avrebbe bisogno di essere usata dal 60% della popolazione.

Ma il 60% in Italia non si raggiungerà mai, dato che:

  • Le persone anziane non sanno di cosa parli;

  • Il telefonino lo usano con maggior frequenza i giovani, per i quali il rischio di contagio è minimo o nullo;

  • Gli adulti hanno tutti una morosa d’andare a trovare ed ovviamente non vogliono farlo sapere.

Ammesso (e non concesso) che si riesca a convogliare i dati necessari in un determinato sito web (centrale o periferico che sia), c’è il concreto pericolo che, prima o poi, il sito vada in tilt (come è già successo a quello dell’INPS).

Ammesso (e non concesso) che non vada mai in tilt, dubito che la nostra burocrazia abbia la capacità o la semplice volontà di incrociare i dati acquisiti.

Il nostro apparato statale è famoso per avere i dati e non utilizzarli. La mancata lotta all’evasione di massa ce lo dimostra.

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o