• Giglio Reduzzi

L ' APP anti-contagio

Aggiornato il: 26 apr 2020

Ecco le ragioni per cui la famosa App che dovrebbe aiutarci ad evitare il contagio non funzionerà mai.

Per essere di qualche utilità, essa avrebbe bisogno di essere usata dal 60% della popolazione.

Ma il 60% in Italia non si raggiungerà mai, dato che:

  • Le persone anziane non sanno di cosa parli;

  • Il telefonino lo usano con maggior frequenza i giovani, per i quali il rischio di contagio è minimo o nullo;

  • Gli adulti hanno tutti una morosa d’andare a trovare ed ovviamente non vogliono farlo sapere.

Ammesso (e non concesso) che si riesca a convogliare i dati necessari in un determinato sito web (centrale o periferico che sia), c’è il concreto pericolo che, prima o poi, il sito vada in tilt (come è già successo a quello dell’INPS).

Ammesso (e non concesso) che non vada mai in tilt, dubito che la nostra burocrazia abbia la capacità o la semplice volontà di incrociare i dati acquisiti.

Il nostro apparato statale è famoso per avere i dati e non utilizzarli. La mancata lotta all’evasione di massa ce lo dimostra.

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se