top of page
  • Immagine del redattoreGiglio Reduzzi

L'Islam moderato


L’Islam moderato esiste solo come deviazione dalla “retta via” indicata dal Corano.

L’espressione “Islam moderato” è una locuzione di comodo forgiata in Occidente per giustificare l’assenza di contrasto al processo di islamizzazione in atto e, spesso, la vendita di armi a dittatori musulmani.

Curiosa questa svolta: da sparare agli invasori islamici (sulle coste italiane sono tuttora presenti centinaia di torri saracene), nel giro di alcuni decenni siamo passati a consegnare loro le armi sulla porta di casa.

Per quanto concerne l’Italia, è anche singolare notare che l’unico dittatore musulmano con cui il nostro governo non va d’accordo (a motivo del caso Regeni) è il solo che abbia osato chiedere alle massime autorità islamiche una riforma in senso democratico della legge coranica.

Parlo di Abdel Fattah el Sisi, la cui propensione per un Islam riformato è ricordata da don Mario Portella nel suo libro (non ancora tradotto in italiano) “Islam: a religion of peace?”

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Quando un partito accetta, o addirittura propone, una schifezza del genere, non serve attendere che proponga una cosa buona per giustificare la scelta di votarlo. Non c’è proposta buona che possa comp

Ecco un problema che mi pongo da anni. Parlo del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che, in teoria, dovrebbe essere l’organismo più potente del mondo. In teoria, perché, in pratica, esso non è riuscito a

Quelli del PD sono fatti così: non miglioreranno mai. Nelle altre democrazie , quando all’interno di un partito ci sono due candidati alla guida, chi vince diventa il leader effettivo e l’altro cambi

bottom of page