• Giglio Reduzzi

La delusione di Salvini

Matteo Salvini è rimasto deluso dal vedere che, alle ultime elezioni, con l’eccezione della Francia (dove la sua amica Le Pen ha ottenuto tanto seggi quanti Macron), i suoi partner europei non hanno ottenuto un successo pari al suo e che, di conseguenza, la Commissione (cioè il governo) dell’UE non ha fatto la svolta che lui auspicava.

Ragion per cui, dopo alcuni mesi di riflessione, pare abbia cambiato politica.

A mio avviso sbagliando.

Sembra infatti che la delusione subita lo abbia indotto ad abbandonare la sua tradizionale ostilità all’Unione, (condivisa anche da personalità quali Paolo Savona e Claudio Borghi), mentre a mio avviso avrebbe dovuto solo accantonarla in attesa di tempi migliori.

Sì perché il suo preteso isolamento nell’Unione non era conseguenza di una posizione sbagliata, ma -all’opposto- di una posizione pionieristica.

Aver precorso i tempi è, se mai, motivo di vanto.

Sono gli altri che sono in ritardo.

Anche se mi sembra che essi si stiano avvicinando velocemente alle posizioni di Salvini, perché, ogni volta che si vota in qualche Paese membro, vedo che le forze euro-critiche aumentano.

Del resto non c’è nessuno in Italia, anche tra le forze anti-salviniane, che osi difendere l’UE così com’è.

L’unica differenza è che, mentre Salvini vuole (anzi voleva) uscire dall’Europa (o, perlomeno, dalla zona Euro), gli altri vorrebbero riformarla.

Illudendosi di avere la forza per farlo.

Una forza che nemmeno la potente Gran Bretagna ha avuto, donde la decisione di uscire.

L’impotenza dell’Unione è sotto gli occhi tutti.

Regola i problemi di nessun conto e trascura quelli di fondo.

Non ha una posizione univoca sulle questioni internazionali (che era lo scopo per cui era nata) e non si occupa di impedire che alcuni Stati membri si impoveriscano ed altri si arricchiscano, né che il continente nel suo complesso perda la sua identità iniziale.

Insomma si è rivelata un disastro.

L’unico argomento che i politici pro-UE avanzano è che, con l’Euro al posto della Lira...……i mutui sono meno cari!

Un po’ poco mi pare.

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Un fior di occasione

Sergio Mattarella ha sempre detto che al governo voleva un’alleanza coesa? Bene, adesso ha un fior di occasione per farlo, dando l’incarico al Centro-Destra. Infatti non può negare che un governo di C

Il ruolo dell'Opposizione

Francamente non capisco perché il Centro Destra vorrebbe far cadere questo governo, ma al tempo stesso dice che voterà a favore del provvedimento governativo volto, nelle intenzioni, a “ristorare” i l

Mission accomplished

Complice il COVID ho letto un altro di quei libri che in condizioni normali non avrei mai letto (il titolo non mi entusiasmava), ma ora sono contento di averlo fatto. Si tratta de “La capanna di padre

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now