• Giglio Reduzzi

La sanzione impossibile

Mi pare giusto che il governo si dia da fare per trovare alternative alla fornitura del gas russo.

Ma ritengo che dovrebbe farlo senza sbandieramenti, anzi di nascosto, visto che si tratta di porre rimedio ad errori del passato, e, soprattutto, senza far credere agli italiani che la soluzione sia a portata di mano, secondo le parole del ministro Roberto Cingolani.

Come ha detto ieri Paolo Scarone (che di gas se ne intende più del ministro), se tutto -ma proprio tutto- va bene, passeranno almeno tre anni prima che le fonti alternative diventino operative.

Questo significa che in questi tre anni dovremo continuare a rifornirci di gas dalla Russia ed alle sue condizioni, salvo che il governo accetti di mettere sul lastrico le famiglie e far saltare l’intero ciclo di produzione della ricchezza.

Peraltro lo stop al gas russo non potrà mai ragionevolmente entrare nell’elenco delle sanzioni occidentali, perché dire a Putin che abbiamo deciso di non prendere più il gas da lui ma attueremo la decisione solo tra tre anni non è una sanzione ma una barzelletta.

Tre anni sono lunghi da passare.

Tra l’altro, i governi africani presentati come fornitori alternativi sanno, o dovrebbero sapere, che essi stanno trattando con ministri italiani in scadenza e che tra pochi mesi non li vedranno più, né al governo, né -presumibilmente- nelle sue immediate vicinanze.

23 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Un esempio lampante di quanto lo Stato rincorra la modernità -o dica di farlo-, ma rimanga sempre indietro si trova nel modo in cui ci fa votare. Che è rimasto uguale a quello prescritto quando furono

Certo, la guerra lascerebbe attoniti con qualunque modalità venisse svolta, ma quello che nel conflitto russo/ucraino fa più impressione è vedere che i combattimenti (per ora) avvengono con gli stessi

Meraviglia che, di fronte ad un governo di coalizione, un sacco di leaders politici dicano che, pur di fare il bene del Paese, sono disposti ad accantonare una parte del loro programma, implicitamente