• Giglio Reduzzi

La sovranità....Parte II

Qualche giorno fa avevo sostenuto che la soluzione adottata dal Capo dello Stato per risolvere l’ultima crisi di governo, oltre a non essere corretta sotto il profilo etico, non lo era neppure sotto il profilo tecnico, perché era frutto di un’interpretazione non convenzionale del dettato costituzionale, avendo fatto prevalere la “puntualizzazione” di un diritto sulla sua chiara e semplice “enunciazione” (“la sovranità appartiene al popolo”).

Proprio come si usava fare nella Costituzione dell’URSS.

Nel nostro caso, avevo spiegato, la puntualizzazione consisteva in quella frase aggiuntiva: “…che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”, che rappresenta la base costituzionale della soluzione Mattarella.

Avevo invece ritenuto superfluo fornire delle esemplificazioni. Che però non mancano.

Per esempio, questo governo avrebbe potuto formarsi esclusivamente per il voto favorevole dei senatori a vita o di diritto.

Non è stato così, ma, visti i risultati al Senato, avrebbe potuto benissimo esserlo.

Ebbene, anche in tal caso, come in quello presente, la soluzione adottata per risolvere la crisi sarebbe stata coerente con la Costituzione, ma il contrasto di tale soluzione con il principio della sovranità popolare sarebbe apparso con evidenza ancora maggiore.

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o