• Giglio Reduzzi

La volpe

Di Maio l’anno scorso disse che avrebbe trattato con il centro-destra a patto che avessero lasciato fuori Berlusconi.

Accontentato: trattò con Salvini e nacque il governo giallo-verde.

Caduto il quale, disse che avrebbe negoziato con il PD a patto che avessero lasciato fuori Renzi.

Accontentato: trattò con Zingaretti e nacque il governo giallo-rosso.

Ma ecco che, appena il nuovo governo s’insediò, quella volpe di Renzi, che era stata esclusa dai negoziati, esce dalla tana del PD e si fa un suo partito.

Non un piccolo partito raccogliticcio, ma un partito ben strutturato e numericamente abbastanza forte da condizionare la vita del neonato governo.

Quindi ora il governo giallo-rosso si trova in balia proprio dell’unico uomo che Di Maio aveva escluso dal tavolo delle trattative.

Cosa farà?

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Mission accomplished

Complice il COVID ho letto un altro di quei libri che in condizioni normali non avrei mai letto (il titolo non mi entusiasmava), ma ora sono contento di averlo fatto. Si tratta de “La capanna di padre

Come scelgono i ministri

Sto leggendo il libro di Paolo Ferri (“Il cacciatore di comete”) che descrive il lungo viaggio della sonda spaziale “Rosetta” verso una cometa dal nome impronunciabile (Churyumov-Gerasimenko) e dalla

Note per il Capo dello Stato

Le due o tre cosette che la Storia rimprovererà al capo dello Stato in carica sono, a mio avviso,: non aver capito che nel 2018, con la nomina a deputato di 300 ragazzi in cerca di prima occupazione e

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now