• Giglio Reduzzi

La volpe

Di Maio l’anno scorso disse che avrebbe trattato con il centro-destra a patto che avessero lasciato fuori Berlusconi.

Accontentato: trattò con Salvini e nacque il governo giallo-verde.

Caduto il quale, disse che avrebbe negoziato con il PD a patto che avessero lasciato fuori Renzi.

Accontentato: trattò con Zingaretti e nacque il governo giallo-rosso.

Ma ecco che, appena il nuovo governo s’insediò, quella volpe di Renzi, che era stata esclusa dai negoziati, esce dalla tana del PD e si fa un suo partito.

Non un piccolo partito raccogliticcio, ma un partito ben strutturato e numericamente abbastanza forte da condizionare la vita del neonato governo.

Quindi ora il governo giallo-rosso si trova in balia proprio dell’unico uomo che Di Maio aveva escluso dal tavolo delle trattative.

Cosa farà?

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o